Hub di terapia intensiva a Rimini, Pompignoli: "Forlì, Cesena e Ravenna penalizzate"

Critico il consigliere regionale Pompignoli: "Acquisizione strutturale di posti letto a discapito di Forlì, Cesena e Ravenna"

Con il "Programma Regionale Covid-19 Intensive Car"e adottato con delibera regionale dello scorso 20 aprile, nasce nella nostra Regione una rete di terapie intensive caratterizzata da ulteriori 146 posti letto distribuiti negli ospedali di Parma, Modena, Bologna e Rimini pensati per l’assistenza a pazienti Covid, ma sempre utilizzabili per affrontare un futuro scenario di emergenza. "Ad oggi sono 76 i posti letto di terapia intensiva dislocati nei 4 ospedali della Romagna: 26 al Santa Maria delle Croci di Ravenna, 25 agli Infermi di Rimini, 17 al Bufalini di Cesena e 8 al Morgagni Pierantoni di Forlì", è la premessa dell’interrogazione del consigliere regionale Massimiliano Pompignoli sulla futura rimodulazione dei posti di terapia intensiva in Romagna.

"Per quanto riguarda l’ambito dell’Ausl di Romagna, la Regione ha deciso di concentrare la dotazione aggiuntiva di 34 posti letto di terapia intensiva esclusivamente a Rimini, presso l’ospedale degli Infermi - osserva Pompignoli -. Questo tipo di scelta, oltre ad essere stata assunta senza il dovuto, necessario e preventivo coinvolgimento dei Sindaci capoluogo di Provincia di Ravenna, Forlì e Cesena, non solo non risponde all’esigenza di garantire il giusto equilibrio tra nosocomi ma si prefigura come l’anticamera di un potenziamento strutturale della rete di terapia intensiva degli Infermi di Rimini a discapito delle altre strutture".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il consigliere del Carroccio "si tratta di una forzatura che crea pericolose disparità. Quello che invece si dovrebbe promuovere è uno sviluppo armonico di tutta la terapia intensiva romagnola che tenga conto delle diverse tipicità ospedaliere". Per questa ragione, si legge nell’interrogazione depositata dal leghista, la Giunta Bonaccini  "dovrebbe rivedere il Programma Regionale Covid-19 Intensive Care per quanto concerne la scelta, nell’ambito dell’Ausl di Romagna, di concentrare nell’ospedale degli Infermi di Rimini la dotazione aggiuntiva e strutturale di 34 posti letto di terapia intensiva, privilegiando una distribuzione armonica ed equilibrata in accordo con le Amministrazioni comunali competenti e nel rispetto di ciascuna vocazione ospedaliera".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Giovani e coronavirus, Vicini: "La perdita di gusto e olfatto non va sottovalutata. Serve consapevolezza"

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Coronavirus, l'aggiornamento domenicale della Regione: due nuovi casi nel forlivese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento