menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I Verdi difendono Balzani dalle accuse di peculato

"Un dovere istituzionale non può essere considerato propaganda politica Fini personali - afferma Sauro Turroni, forlivese, rappredsentante dei verdi, riferendosi all'accusa di peculato nei confronti del sindaco di Forlì, Roberto Balzani

"Un dovere istituzionale non può essere considerato propaganda politica Fini personali - afferma Sauro Turroni, forlivese, rappredsentante dei verdi, riferendosi all'accusa di peculato nei confronti del sindaco di Forlì, Roberto Balzani -   A questa conclusione siamo giunti, al di là della nostra stima nei confronti del sindaco e della sua personale rettitudine, dopo una attenta disamina della questione, senza esserci voluti fermare ad rituale atto di sostegno, tanto rituale quanto inutile nella sostanza".

"Esaminando il complesso delle leggi che disciplinano le funzioni del Sindaco appare chiaro che le trasmissioni televisive volte ad informare i cittadini della attività della amministrazione rientrano pienamente tra i doveri istituzionali di chi rappresenta la città. - si legge nella nota - Ed è altrettanto chiaro che il Sindaco, al pari di ogni altro consigliere, rappresenta la intera comunità forlivese ( art. 1 dello statuto ), ne cura gli interessi, ne promuove lo sviluppo. Lo Statuto comunale è espressamente previsto dalla Costituzione ( art. 114 ).ed in esso, così come nella legge si riconosce che il Sindaco è il capo dell'amministrazione comunale. Il testo unico degli enti locali e lo Statuto stabiliscono che il Sindaco esercita altresì le funzioni di ufficiale di governo nei casi previsti dall'ordinamento delle autonomie locali e molto altro ancora. Inoltre è l'organo responsabile dell'amministrazione del Comune di cui ha la rappresentanza istituzionale. ( art.50 testo unico enti locali e anche 31 e 32 dello Statuto ). Ancora la legge stabilisce che l’attività amministrativa persegue i fini determinati dalla legge ed è retta da criteri di economicità, di efficacia, di imparzialità, di pubblicità e di trasparenza".

"Un Sindaco che va in TV a raccontare ciò che sta facendo la amministrazione che rappresenta e che risponde alle domande dei  cittadini, utilizzando un mezzo molto più economico della carta stampata finora utilizzata, dopo che il Comune ha esperito una regolare gara fra diverse emittenti televisive, conseguiti i necessari pareri di regolarità economica ed amministrativa, compie solo uno dei suoi doveri, così come essi sono declinati dalla legge. - sostengono i Verdi - Sostenere che vi debba essere nelle trasmissioni la partecipazione delle opposizioni, mutuando forse questo supposto principio dalle norme di par condicio , appare una forzatura incomprensibile, come se quanto avveniva con  le 2 paginette nelle quali erano relegate le opinioni dei rappresentanti di tutti i gruppi consiliari in Comune Aperto fosse imposto da ineludibili disposizioni di legge.  Se si dovessero concepire in questo modo le cose tutte le volte che il Comune pubblica, ad esempio, una ricerca sul centro storico o fa una mostra su un evento o una esposizione culturale oppure convoca i cittadini in un teatro perché il sindaco possa dar conto dell’attività fatta ci dovremmo forse trovare nella necessità di affidare prefazione, introduzione, postfazione delle pubblicazioni alle opposizioni, o di lasciare loro una teca o un pannello nel caso di mostre  e così via ? Al confronto politico è riservata la diretta televisiva via web delle sedute di Consiglio, ove le diverse posizioni su tutti i temi si misurano. Nelle trasmissioni televisive, informate a  criteri di economicità, efficacia e di imparzialità, si da invece conto di quanto deciso dalla Amministrazione. Non crediamo che si faccia un buon servizio alla vita sociale ed economica di un comunità sostenedo che attività di informazione sulla attività della Amministrazione di un Sindaco che rappresenta tutti i cittadini e che illustra ciò che si fa nella loro città possa configurarsi come una attività di propaganda personale, soprattutto in un periodo storico in cui la comunicazione e la partecipazione hanno assunto un così grande rilievo nella società".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento