Il Comitato per Bersani: "Non possiamo deludere il paese"

Governare non sarà facile, ma non possiamo deludere il paese ; non si governa senza popolo, il prossimo giro.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Governare non sarà facile, ma non possiamo deludere il paese ; non si governa senza popolo, il prossimo giro. Le primarie sono la più grande e bella cosa che la politica possa offrire oggi in Italia e noi ne siamo orgogliosi,  un percorso inedito nel nostro paese ed in Europa che dai gazebo proseguirà nel 2013 con ulteriori strumenti per comprendere bene come la pensa la gente.

 

Rigore e serietà non sono sufficienti per dare una svolta al paese; la stagione delle riforme sarà ancora più profonda e gli obbiettivi di maggiore equità, maggiore occupazione, redistribuzione della ricchezza, ampliamento della democrazia, rafforzamento delle istituzioni, piena affermazione dei diritti civili, saranno comuni con il riequilibrio dei conti.

Scuola ed università devono vedere una concreta opera di ricostruzione; una politica industriale basata sull'assunzione della qualità ambientale e dell'ecologia; più lavoro a partire dai giovani, salute, istruzione, ambiente, sicurezza non possono essere diversi a seconda delle redditualità dei singoli; la politica che recupera autorevolezza, promuove il rinnovamento, riduce i costi e la sua invadenza in ambiti che non le competono, realizza la parità di genere, il ridisegno profondo del sistema fiscale che alleggerisca il peso sul lavoro e le imprese ed attinga risorse dai grandi patrimoni, il riconoscimento quali cittadini italiani per i figli degli immigrati nati in Italia.

 

Non c'è futuro per l'Italia se non dentro la ripresa ed il rilancio del progetto europeo. Per queste ed altre ragioni sosteniamo Pierluigi Bersani alle prossime primarie del 25 novembre ed invitiamo tutti i militanti ed elettori del centrosinistra a partecipare sostenendolo con noi.

Torna su
ForlìToday è in caricamento