rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Verso le elezioni

Il Pd chiude la campagna elettorale con una festa con Bulbi: "Il nostro programma è completo e chiaro"

La chiusura della campagna elettorale della Lista Democratici e Progressisti si terrà venerdì dalle 18, al Parco Incontro di via Ribolle a Forlì

Si avvicina la chiamata alle urne per l'elezione del nuovo governo. "E' un voto fondamentale per il futuro dell’Italia - esordisce il segretario territoriale del Pd Forlivese, Daniele Valbonesi -. Siamo arrivati al termine di questa campagna elettorale, brevissima ma molto intensa, più difficile del solito per i tempi stretti e per il periodo in cui si è svolta. Siamo stati in mezzo alle persone, nei territori, per promuovere le idee del Partito Democratico per il paese, grazie ai nostri militanti che si sono impegnati al massimo".

La chiusura della campagna elettorale della Lista Democratici e Progressisti si terrà venerdì dalle 18, al Parco Incontro di via Ribolle a Forlì. Una serata di politica e convivialità, alla quale saranno presenti i rappresentanti delle forze di coalizione e i candidati Massimo Bulbi (alla Camera dei Deputati, nel collegio uninominale Forlì-Cesena) e Simona Viola (al Senato, nel collegio uninominale Forlì-Cesena Rimini), "per confrontarsi e ritrovarsi insieme, in un momento così importante per la nostra democrazia".  A seguire cena e intrattenimento musicale con Licia Spazzoli (non è necessaria la prenotazione).

“Alcune forze politiche hanno ritenuto, sbagliando secondo noi, che l'esperienza del Governo Draghi dovesse concludersi. Movimento 5S, Forza Italia e Lega hanno fatto un grave errore le cui conseguenze, purtroppo, ricadranno sugli italiani - prosegue Valbonesi -. Il Partito Democratico ha sostenuto lealmente il Governo Draghi fino alla fine e ritiene totalmente irresponsabile quanto accaduto. E’ stata una campagna elettorale complessa, con alle porte una recessione che potrebbe abbattersi sugli italiani, con l'inflazione tornata ai livelli degli anni '80, per una guerra in corso, per i costi energetici saliti alle stelle, per un'emergenza sanitaria che non è detto sia terminata. Difficilissima per il quadro politico frastagliato nel centrosinistra e per gli eccessi populisti a destra. Una destra pericolosa in politica estera, sui diritti, sui temi ambientali, sulla sanità e la scuola pubblica. Ma soprattutto una destra pericolosa sui temi economici e sulle politiche del lavoro, che sembra unita solo sulla flat tax, misura che andrebbe a vantaggio delle fasce più ricche della popolazione, facendo aumentare la distanza tra chi sta bene e chi sta già male e con questa misura purtroppo andrà a stare peggio".

"Il Partito Democratico si presenta a queste elezioni con un programma chiaro, completo - continua il segretario dem -. Un programma che punta sullo sviluppo sostenibile, sulle energie rinnovabili per affrontare l'emergenza climatica, sull'istruzione, ampliando l'obbligo scolastico, perché la scuola è il vero motore per il nostro futuro; un programma che mette in primo piano la sanità pubblica e universalistica perché nessuno rimanga indietro. Per il Partito Democratico anche il tema del lavoro è fondamentale, essendo dignità e inclusione sociale, per questo si punta alla giusta retribuzione (salario minimo e taglio del cuneo fiscale). Avevo detto al Segretario Enrico Letta, in una recente visita a Forlì, che il Partito Democratico Forlivese ce l’avrebbe messa tutta, e così è stato. Lo facciamo per i nostri nonni e per i nostri figli. Per chi ha prima combattuto per la Democrazia e poi ha risollevato un paese in macerie. E per chi ha il futuro davanti, che merita il massimo impegno, la massima serietà e spazi adeguati per poter essere messo nelle giuste condizioni per migliorare il mondo. Sono convinto che solo il Partito Democratico possa unire la nostra storia, le nostre radici e lo sguardo al futuro".

L'appello al voto di Bulbi

“Il voto di domenica 25 settembre, mai come questa volta, è un voto che riguarda il nostro futuro e quello dei nostri figli - evidenzia Bulbi -. Il prossimo Parlamento sarà infatti chiamato a prendere decisioni cruciali per i prossimi anni, in particolare l’importante partita degli oltre duecento miliardi di euro che, grazie all’Unione europea, il nostro Paese avrà a disposizione per rilanciare l’economia, la socialità, la sanità e l’istruzione pubblica. Non votare significa infatti rinunciare a un diritto conquistato dopo grandi battaglie nel secolo scorso, e sancito nell’art. 48 della nostra Costituzione”. Poi il candidato di centrosinistra si appella al principio di rappresentanza territoriale. “Il collegio di Forlì-Cesena ha l’occasione di votare un rappresentante che conosce molto bene il territorio in tutte le sue sfaccettature, conosce chi lo vive, chi ci lavora e ci fa impresa e che, di conseguenza, sa che deve rispondere di persona a questa comunità quotidianamente. Votandomi avrete la sicurezza di far arrivare a Roma le richieste che riguardano da vicino la Romagna”.

Poi Bulbi passa ad analizzare l’importanza del voto del 25 settembre riguardo a concetti più generali ma non meno importanti. “Il prossimo Parlamento sarà chiamato ad affrontare la difficilissima situazione legata alla guerra in Ucraina con tutte le sue conseguenze economiche, energetiche, alimentari e il pericolo sempre più incombente che quel conflitto sfoci in una devastante guerra mondiale - prosegue -. Per non parlare delle risposte che dobbiamo dare con urgenza alle questioni ambientali, a ricordarcelo, purtroppo, proprio quello che è accaduto alcuni giorni fa nelle vicine Marche. Mai come oggi, di fronte a queste sfide, il nostro Paese si potrà salvare e potrà avere una prospettiva di sviluppo solo con un’Europa più unita e compatta. Come ha dimostrato la pandemia: da soli non ci si può salvare. Come da sempre sostiene il Partito Democratico, occorre far parte di un continente che sappia remare tutto dalla stessa parte, con la piena consapevolezza di avere un destino comune. Il Covid-19 ha dimostrato che solo una politica che sa essere unita, razionale e in sintonia con la scienza, può portare la nostra nave fuori dalla tempesta”.

“Dunque – evidenzia il candidato dem - il voto di domenica sarà una scelta di campo netta tra due visioni opposte di Paese: da una parte chi crede nell’Europa e dall’altra chi immagina che singoli Paesi possano da soli affrontare e superare le sfide che hanno a che fare con i problemi dell’oggi; da una parte chi crede nella sanità pubblica, territoriale e vicina ai cittadini, dall’altra chi in quella privata; da un lato chi vuole più diritti civili e sociali per tutti e tutte, dall’altro chi vorrebbe farci tornare al Medioevo, ispirandosi alle politiche di Orban; da un lato chi propone meno tasse sul lavoro e un mese in più di stipendio per chi ha reddito medio-bassi, dall’altro chi propone la Flat Tax, che significa meno tasse per i ricchi e meno servizi per i ceti medio-bassi. Solo per fare alcuni esempi concreti".

"Il voto di domenica sarà decisivo per tenere il nostro Paese ancorato a una visione fedele ai principi della nostra Costituzione che sono, per l’appunto, uno Stato Sociale e il rispetto dei diritti civili, libertà fondamentali che solo il nostro continente e altri pochi posti del mondo garantiscono in questo millennio - conclude -. Immaginare di uscire da questo nostro mondo, pur con tutte le sue imperfezioni e difetti da correggere, è un salto nel buio che non ci possiamo permettere soprattutto per chi verrà dopo di noi, per i nostri figli e i nostri nipoti. Votare Pd significa votare per chi ha sempre dimostrato di credere e tutelare questi valori, talvolta pagando anche un prezzo politico alto, perché è molto più facile la demagogia del populismo rispetto alla fatica di fare i conti con la realtà per migliorarla. È più facile urlare alla pancia dei cittadini che impegnarsi con spirito di sacrificio e senso di responsabilità per provare a risolvere le sfide che giorno dopo giorno si presentano. Questo è l’impegno che mi prendo io, Massimo Bulbi, con tutti voi cittadini e cittadine cesenati e forlivesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pd chiude la campagna elettorale con una festa con Bulbi: "Il nostro programma è completo e chiaro"

ForlìToday è in caricamento