menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pd: "Sospendere i canoni per palestre ed impianti sportivi. Servono misure per il settore Cultura"

Il gruppo consiliare del Partito Democratico di Forlì chiede "la sospensione dei canoni al Comune come misura a sostegno delle associazioni del nostro territorio"

Tra le misure restrittive firmate dalla Regione Emilia Romagna, ad integrazione di quelle del governo, c'è la sospensione delle attività in palestra e nelle piscine. Il gruppo consiliare del Partito Democratico di Forlì chiede "la sospensione dei canoni al Comune come misura a sostegno delle associazioni del nostro territorio". Espongono i dem: "In queste ore la nostra comunità sta vivendo una situazione di particolare gravità determinata dal diffondersi del già noto COVID- 19, con significative limitazioni dolorose, ma precauzionali al normale svolgimento delle nostre attività quotidiane tra cui la pratica sportiva. Molte associazioni hanno deciso, responsabilmente, di sospendere le proprie attività sportive".

"Consapevoli dell’importanza del sostegno al mondo sportivo perché possa riprendere, appena possibile, il suo naturale ruolo di collettore sociale e veicolo di sani principi e stili di vita, nonché imprescindibile sostegno sociale alle nostre comunità, chiediamo di sospendere, durante il periodo di chiusura forzata, il pagamento delle ore nelle palestre comunali e dei canoni degli impianti sportivi; un sostegno degli eventuali piani di rientro delle società sportive così come il mantenimento ed eventualmente rafforzamento dei contributi per le manifestazioni programmate e organizzate", proseguono i dem.

"Indubbiamente, queste sono solo alcune delle proposte che, in futuro, andranno promosse e correttamente concordate insieme alla regione per favorire strumenti a sostegno delle società sportive e di tutto il suo personale tecnico che in queste settimane non hanno potuto svolgere la loro regolare attività sportiva e professionale - continuano i dem -. Infine, stiamo valutando in queste ore ulteriori misure da avanzare all'amministrazione che il Comune possa adottare direttamente, utilizzando la propria capacità di spesa, per gli altri settori toccati da questa situazione, si pensi alla sospensione di tutta l'attività culturale in genere".

Sabato scorso il vicesindaco con delega allo sport, Daniele Mezzacapo, è intervenuto per "tranquillizzare i genitori che hanno già pagato la retta dei figli. Per chi non ha potuto sfruttare la pratica sportiva nelle palestre comunale, il Comune di Forlì sta già valutando le azioni di recupero affinché non siano stati spesi invano dei soldi. Siamo attenti alle esigenze delle famiglie e dei forlivesi. Sono diverse le famiglie forlivesi che hanno pagato le rette che avrebbero permesso ai figli di praticare sport. Infatti l’emergenza Coronavirus ha portato, dopo la promulgazione del decreto del Consiglio dei Ministri, alla sospensione di gran parte delle manifestazioni sportive di tutte le discipline e all'utilizzo di strutture".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento