menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il sindaco pentastellato di Imola si dimette, Vietina: "M5S incapace di governare i territori"

Questa l'analisi di Simona Vietina, parlamentare di Forza Italia e vicecommisario regionale dell'Emilia-Romagna con delega ad organizzazione e dipartimenti

"Le dimissioni del sindaco di Imola Manuela Sangiorgi certificano due cose: l'incapacità del Movimento 5 Stelle di esprimere una classe dirigente che sappia amministrare i territori, da Roma a Torino, passando appunto per Imola; e come l'alleanza dell'inciucio tra Pd e grillini sia destinata a deflagrare. Dopo l'imbarazzante esperienza al governo e la colossale sconfitta alle regionali in Umbria, il patto giallo-rosso scricchiola sempre di più". Questa l'analisi di Simona Vietina, parlamentare di Forza Italia e vicecommisario regionale dell'Emilia-Romagna con delega ad organizzazione e dipartimenti.

"La Sangiorgi ha fatto un passo indietro perché, dice, non vuole essere un burattino nelle mani del Pd. Bene, ma il corteggiamento del governatore Stefano Bonaccini va avanti - prosegue l'esponente berlusconiana -. Vedremo se come annunciato i 5 Stelle andranno da soli alle regionali o, ancora una volta, tradiranno all'ultimo le loro promesse per cedere alle lusinghe del presidente dell'Emilia-Romagna". "L'unico vero cambiamento possibile - rimarca la deputata azzurra - è quello del centrodestra unito. Per le elezioni regionali in Emilia-Romagna sarà una battaglia decisiva: vincere nel nostro territorio potrebbe essere la spallata definitiva per il governo. Espugnare le roccaforti rosse è possibile, l'Umbria è stata l'ennesima dimostrazione e ora tocca alla nostra regione: siamo vicini a una svolta storica".

"La sfida non è facile, certo, anche perché da mesi il governatore Bonaccini è in campagna elettorale e sta battendo il territorio con iniziative che di istituzionale hanno solo il titolo - prosegue Vietina -. Tutta propaganda. Ma gli emiliano-romagnoli sono stanchi di un sistema di potere che ha ormai logorato le migliori energie del territorio, che ha lasciato indietro i territori marginali, e il centrodestra unito può compiere l'impresa: la vittoria alle regionali avrebbe un significato politico dirompente, sia nei numeri che nella proposta amministrativa, con inevitabili riflessi anche a Roma. Gli italiani vogliono coerenza e buona amministrazioneciò che il centrodestra può garantire anche in Emilia-Romagna: altroché gli amministratori improvvisati dei 5 Stelle o i politici di professione del Pd".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento