menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Immigrazione, il Comune aderisce alla campagna "L'Italia sono anch'io"

"L'Italia sono anch'io” è il titolo della campagna nazionale, lanciata da un comitato promotore costituito da varie organizzazioni civili(tra cui Acli, Arci, Caritas e Cgil)

"L'Italia sono anch'io” è il titolo della campagna nazionale, lanciata da un comitato promotore costituito da varie organizzazioni civili(tra cui Acli, Arci, Caritas e Cgil) e presieduto dal Sindaco di Reggio Emilia e neoeletto Presidente dell'Anci, Graziano Delrio, a cui anche il Comune di Forlì ha aderito. Tale campagna si pone come obiettivo quello di presentare in Parlamento due proposte di legge: una per riformare l'attuale normativa sulla cittadinanza e l'altra per riconoscere ai migranti regolari, stabilmente presenti nel nostro territorio e in possesso del titolo di soggiorno da almeno cinque anni, il diritto di voto attivo e passivo alle elezioni amministrative.

“Attualmente nel nostro Paese, tanti ragazzi (parliamo di oltre 900.000 giovani) figli di immigrati, che sono nati in Italia e qui si sono formati, hanno studiato o lavorano, condividendo sogni e problemi con i loro coetanei, sono costretti a vivere con il permesso di soggiorno e a fare richiesta del diritto di cittadinanza, solo al compimento dei 18 anni e senza assenze di oltre sei mesi dal suolo italiano – ha affermato Valentina Ravaioli, assessore alle Politiche giovanili -. Se ciò non avviene entro il diciannovesimo anno d'età, questi giovani devono affrontare un lungo e pesante calvario burocratico, oltre a discriminazioni che rappresentano piccole e grandi umiliazioni quotidiane”.

“L'impossibilità di partecipare alle consultazioni elettorali amministrative costituisce, poi, la negazione del diritto di poter incidere sui processi politici e sociali per i cittadini che vivono in un territorio e ad esso contribuiscono mediante il prelievo fiscale – ha proseguito Ravaioli -. “L'Italia sono anch'io”, non è solo la sfida dei ragazzi di origine straniera, è la sfida di tutti noi, di chi crede che solo permettendo alle persone di sentirsi veramente parte di una comunità e di avere le medesime opportunità, secondo quanto stabilito dall'art.3 della Costituzione, queste contribuiranno al miglioramento della comunità stessa, in 'ottica di responsabilità e doveri condivisi”.

“E', in un certo senso, la sfida dei nostri studenti, spesso fuori sede – ha aggiunto l’assessore -, che chiedono di essere pienamente integrati nel territorio in cui vivono e con i quali stiamo programmando una serie di incontri pubblici di scambio e confronto con la città, oltre alla prima “carta giovani” forlivese, finalizzata ad ampliare servizi ed agevolazioni a loro disposizione. E', più in generale, la sfida di un'intera generazione che non si rassegna ad essere messa all'angolo, ma rivendica l'innegabile diritto ad essere protagonista del proprio tempo e della propria società, per cui rappresenta, come recentemente dichiarato dal Presidente Napolitano, “una grande fonte di speranza ed energia””.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento