Inaugura la nuova sede della sezione mazziniana Giordano Bruno

L’assessore Sara Samorì e il consigliere comunale Michele Bertaccini raccoglieranno le firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare per l’introduzione dell’educazione civica nelle scuole

Sabato alle 13 sarà inaugurata la nuova sede della sezione mazziniana Giordano Bruno che si sposta da Via Ribolle a viale Roma 267 nei locali della storica Cooperativa Antonio Fratti. L’assessore Sara Samorì e il consigliere comunale Michele Bertaccini raccoglieranno le firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare per l’introduzione dell’educazione civica nelle scuole. "Questa proposta di legge, che verrà presentata dai ragazzi dell’Associazione Pensiero e Azione (fra i promotori della legge) e che come mazziniani forlivesi appoggiamo fortemente, ha obiettivi ambiziosi: riscoprire i principi fondamentali della Costituzione, approfondire il funzionamento delle istituzioni nazionali ed europee, nonché affrontare temi importanti quali il diritto al lavoro e delle famiglie, nonché la tutela dell’ambiente - viene spiegato -. Educare alla cittadinanza vuol dire essere e crescere come cittadini consapevoli, perché solo percependoci ed agendo come una comunità  possiamo costruire una società migliore. Facciamo in modo che questa proposta di legge possa arrivare in Parlamento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

Torna su
ForlìToday è in caricamento