Inceneritore Forlì, Bertani (M5S): "Nessun merito del Pd. Il testo accoglie le nostre proposte"

Andrea Bertani, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, interviene riguardo all’approvazione di un ordine del giorno che impegna la Giunta a rafforzare le azioni a sostegno della sostenibilità ambientale sul versante della gestione dei rifiuti in particolare per la zona di Forlì.

"Non c’è nessun merito da parte del Pd nel porre al centro del nuovo piano regionale sui rifiuti il tema della chiusura dell’inceneritore di Forlì. L’ordine del giorno approvato ieri all’unanimità dall’Assemblea Legislativa ricalca per la stragrande maggioranza un nostro odg che, in accordo con le altre forze politiche, abbiamo trasformato in un documento senza simboli proprio per cercare una massima condivisione del tema. Per questo è semplicemente ridicolo che i consiglieri Zoffoli e Ravaioli rivendichino meriti che non hanno". È quanto dichiara Andrea Bertani, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, riguardo all’approvazione di un ordine del giorno che impegna la Giunta a rafforzare le azioni a sostegno della sostenibilità ambientale sul versante della gestione dei rifiuti in particolare per la zona di Forlì dove il nuovo sistema di raccolta affidato ad Alea sta portando a risultati molto positivi.

“Fino a martedì pmeriggio, quando abbiamo presentato il nostro ordine del giorno in aula, il Pd non sapeva nemmeno di che cosa stessimo parlando - spiega Bertani -. Siamo stati noi a portare in aula questo tema, mettendo al centro del dibattito le proposte delle associazioni ambientaliste, chiedendo di poter approvare un documento da collegare al bilancio. Alla fine, proprio perché il nostro obiettivo era quello di sancire un principio secondo noi sacrosanto, ovvero che devono essere premiati quei territori virtuosi sul tema dei rifiuti e non di certo penalizzati come succede con Forlì che ha ben due inceneritori, abbiamo deciso di ritirare l’odg e di presentarne uno senza simboli in accordo con le altre forze politiche".

"Per questo fa sorridere il tentativo di intestarsi meriti inesistenti da parte del Pd. A prova di ciò - conclude Bertani - c’è un particolare, sicuramente non irrilevante: il nostro emendamento al bilancio che chiedeva alla Giunta di tenere conto degli impatti cumulativi degli impianti di incenerimento e di prevedere i criteri per il loro progressivo spegnimento, a partire dai territori più inquinati e da quelli più virtuosi come Forlì. Il Pd su questo ha detto no”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Festa di compleanno al ristorante con rissa finale e tavoli ribaltati tra due invitati

  • Storica gioielleria chiude dopo 73 anni, tre generazioni si sono susseguite dietro al banco

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

Torna su
ForlìToday è in caricamento