menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iper aperto il 26, Casadei (Pd): "Starò con i dipedenti"

Thomas Casadei annuncia che il 26 dicembre sarà davanti all'Iper "insieme a lavoratrici e lavoratori, spero saremo in tanti: non per consumare ma per esprimere vicinanza"

"La scelta di tenere aperto il Centro Punta di Ferro, proprio in occasione di feste religiose e civili, dal forte valore identitario, non mi pare assolutamente condivisibile". E' quanto afferma Thomas Casadei, consigliere regionale Pd Commissione Turismo, cultura, scuola, formazione, lavoro, sport - Commissione regionale per la promozione di condizioni di piena parità tra donne e uomini, annunciando che "il 26 dicembre sarò davanti all'Iper insieme a lavoratrici e lavoratori, spero saremo in tanti: non per consumare ma per esprimere vicinanza, solidarietà e il senso di una lotta comune rispetto a modelli di società fuorvianti".

" Vi sono limiti che non devono essere superati. Il modello consumistico che viene proposto degli acquisti 365 giorni l'anno per 24 ore su 24,  non ha senso in un periodo di grande crisi e di calo dei consumi, ma soprattutto crea condizioni insostenibili di lavoro, anche perchè in questo modo per molte persone il diritto al riposo di fatto non esiste più - evidenzia Casadei -. Al centro di tutto - sfera lavorativa, sociale, relazionale - deve stare la persona, con i suoi diritti fondamentali e i suoi valori".

"Quanto sta accadendo al Centro Commerciale Punta di Ferro deve farci riflettere - dichiara Elena Toni, candidata alle primarie parlamentari del Pd -. La liberalizzazione totale degli orari ha determinato una situazione in cui le aperture possibili senza più limiti, stanno creando grosse difficoltà a chi lavora, sia come dipendente sia come negoziante e lavoratore autonomo. I tempi di vita e i tempi di lavoro devono essere organizzati secondo equilibri e regole che abbiano come assoluta priorità la qualità dell'occupazione".

"Il modello consumistico che in questi anni si è affermato spazzando via regole e forme di contrattazione consolidatesi nel tempo (grazie anche ad una legislazione ispirata dai buoni principi del giuslavorismo), non è certo la risposta al periodo di austerità che stiamo vivendo e alla necessaria sobrietà che questo richiede - continua Toni -. Concordo con quanti - sindacati, Confesercenti, Federconsumatori, Cei e altre realtà come le Acli - affermano che la priorità deve essere il rispetto dei diritti inviolabili e dei valori irrinunciabili della persona e per dare un segnale concreto al mio sostegno il 26 dicembre sarò al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori del centro commerciale di via Punta di Ferro, per ascoltare e per poter elaborare insieme proposte che mi auguro il prossimo Parlamento possa varare su questi temi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento