La battaglia di Ragni: "Per i malati invalidi al 100% spese di cura a carico di Regione e Ausl"

Le famiglie si trovano spesso a dover garantire assistenza e cure  ai familiari malati con invalidità al 100 senza le necessarie agevolazioni dalla Sanità. Per questo molte persone rinunciano al servizio pubblico e ricorrono al ricovero in cliniche o case di riposo private.

“Il servizio sanitario nazionale deve farsi carico totalmente delle cure a favore   delle  persone affette da malattie croniche e  invalidanti al 100% ricoverate in strutture convenzionate,  sollevando da spese spesso insostenibili le famiglie dei malati  che devono sobbarcandosi il pagamento di rette che arrivano a 2000 - 2500 euro al mese con grave economico. In Italia secondo statistiche recenti oltre 2 milioni di famiglie   sono cadute in povertà per aver dovuto sostenere i costi relativi alla cura di congiunti malati cronici non autosufficienti o con disabilità gravi”: a ribadire il concetto è  Fabrizio Ragni, coordinatore provinciale di Forza Italia e consigliere comunale degli azzurri a Forlì.

“Per esempio, esistono patologie come l’ Alzheimer,  la malattia  più comune fra le cause di demenza senile, che colpiscono migliaia di persone: 20mila in Emilia-Romagna, 700mila in Italia e 47milioni in tutto il mondo che diventeranno 130 milioni entro il 2050. Cure ed assistenza  devono essere gratuite e a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Lo  dicono sentenze di tribunale, consiglio di Stato ed anche la Corte di Cassazione che   ha stabilito recentemente che i costi per l'assistenza alle persone affette da Alzheimer comprese dei costi del soggiorno in Rsa (Residenza sanitaria assistenziale)  con ricovero a tempo indeterminato,  devono essere sostenuti dallo Stato”: elenca Fabrizio Ragni. 

Le famiglie si trovano spesso a dover garantire assistenza e cure  ai familiari malati con invalidità al 100 senza le necessarie agevolazioni dalla Sanità. Per questo molte persone rinunciano al servizio pubblico e ricorrono al ricovero in cliniche o case di riposo private.

“Molti cittadini non conoscono quali sono i loro effettivi diritti in materia di cure sanitarie. Inoltre, il ricorso ai servizi sanitari pubblici è in certi casi scoraggiato da prassi e consuetudini di servizi che, talvolta, ignorano o male interpretano le leggi vigenti. A nostro parere il diritto alle cure sanitarie con particolare riferimento ai malati cronici non autosufficienti adulti e anziani ed alle persone   disabili al 100% deve essere fatto rispettare alla lettera”: spiega Fabrizio Ragni .

L’esponente di Forza Italia cita la battaglia intrapresa dal consigliere   Giacomo David Camagni , della lista  “Unica Alternativa (sostenuta dal centrodestra), che a   Bagno di Romagna ha ricordato  alle istituzioni  che i malati di Alzheimer non autosufficienti ricoverati in Rsa che necessitano di prestazioni sanitarie non devono pagare la retta che dev'essere a carico del Servizio sanitario nazionale e non più dei parenti.

 “Le cure per i malati di Alzheimer (in Italia si parla di 11miliardi di euro, di cui il 73%   a carico delle famiglie) devono essere gratuite e a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Come ha ribadito con sentenza il Tribunale civile di Roma che, dando ragione alla figlia di un anziano, ha condannato la Regione a risarcire la donna per le spese sostenute nel periodo in cui il padre era stato ricoverato, ovvero 10 anni. Ed i  giudici che hanno confermato che i costi per l'assistenza dei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer devono essere interamente a carico del Sistema sanitario nazionale, senza gravare su pazienti e familiari. Con risarcimento retroattivo”: insiste Fabrizio Ragni.

Nella nostra provincia  il tribunale si dovrà esprimere su un caso simile –   a San Piero in Bagno - in prima udienza il prossimo 10 settembre, dopo che un gruppo di ospiti non autosufficienti di una Casa protetta è ricorsa alla magistratura affinché venga riconosciuto il loro diritto a non corrispondere alcuna retta vedendosela invece sostenuta dal servizio sanitario nazionale.

“Mi impegno personalmente a fornire tutte le informazioni del caso  alle famiglie con malati di Alzheimer o altre malattie invalidanti al 100%  che necessitano di prestazioni sanitarie ricoverati in Rsa. Non devono pagare  alcuna retta e tocca invece allo Stato ed il Servizio Sanitario Nazionale  prendersene carico. Ma tocca anche ai Comuni , compreso ovviamente il Comune di Forlì, che concorrono alle spese di ricovero  con quota-parte esigere che i  soggetti pubblici interessati (Regioni  e  Ausl) si facciano totalmente  carico delle spese, liberando così  risorse utili e da reinvestire in beni e servizi per la città”: conclude il coordinatore provinciale di Forza Italia e consigliere comunale degli azzurri a Forlì.

Inoltre, Fabrizio Ragni  annuncia un question time a tema: “Il Comune di  Forlì deve essere il primo ente pubblico a informare i cittadini dei loro diritti e aiutarli a non pagare più nulla nel caso abbiano parenti  affetti da malattie croniche  e  invalidanti al 100%”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Spese pazze dopo l'assalto alla sala slot: presi a Forlì dopo il colpo da 30mila euro

Torna su
ForlìToday è in caricamento