rotate-mobile
Famiglie

La catena di supermercati allunga la maternità, la proposta: "Pensare anche alla chiusura domenicale"

"Questa misura dimostra, da parte di Arca Commerciale, la comprensione di ciò che chiedono le donne", viene rimarcato

Il Popolo della Famiglia di Forlì plaude alla decisione del Gruppo Unicomm di allungare di un mese il periodo di maternità delle neo mamme. "Questa misura dimostra, da parte di Arca Commerciale, la comprensione di ciò che chiedono le donne: poter lavorare senza rinunciare alla maternità, conciliando la cura dei propri cari con la dimensione occupazionale - viene evidenziato -. La lungimiranza del Gruppo Unicomm, che ha motivato la decisione con la volontà di mettere la famiglia al centro della visione aziendale, dovrebbe essere la stessa della politica e delle pubbliche istituzioni a vantaggio della società; anche uno Stato, come un'azienda, progredisce quando la famiglia, sua cellula primaria, fiorisce ed è in salute".

"Il sostegno alla maternità è un investimento nel futuro che riguarda tutti - proseguono dal Popolo della Famiglia -. Al plauso verso questa lodevole decisione di Arca Commerciale, vorremmo unire anche l'invito ad aggiungere un ulteriore tassello non meno importante per la vita delle donne e delle famiglie: la chiusura domenicale dei supermercati del gruppo, per permettere ai dipendenti, che sono per lo più donne, di trascorrere con i propri cari il giorno del riposo festivo, momento privilegiato per la riunione familiare dopo la frenesia della settimana. Nei mesi scorsi la Consulta comunale delle Famiglie di Forlì ha proposto la chiusura concordata dei centri commerciali nei giorni festivi, proprio per permettere almeno la domenica l'unione delle famiglie dei lavoratori, altrimenti divise dai turni di lavoro".

"I numerosi commenti favorevoli comparsi sui social a seguito di questo appello hanno dimostrato che per l'opinione pubblica cittadina l'esigenza di un nuovo stile di vita nei consumi, volta a recuperare il tempo della famiglia, è sentita come una vera e propria necessità - viene aggiunto -. Ci auguriamo che il Gruppo Unicomm, così sensibile alle esigenze delle famiglie, voglia proseguire sulla strada intrapresa compiendo un nuovo atto di coraggio, e che il Comune di Forlì non lasci cadere la richiesta della Consulta, ma colga l'opportunità di convocare un tavolo di lavoro tra i vari soggetti coinvolti per poter migliorare la qualità della vita delle famiglie dei dipendenti dei supermercati. Raggiungere questo obiettivo sarebbe un motivo di orgoglio in più per la nostra città e una nota di merito per un' amministrazione che vuole mettere la famiglia al centro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La catena di supermercati allunga la maternità, la proposta: "Pensare anche alla chiusura domenicale"

ForlìToday è in caricamento