menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Lega: "Azioni incisive contro la delocalizzazione industriale"

Chiede “azioni incisive contro il fenomeno della delocalizzazione industriale” una proposta di ordine del giorno del gruppo consigliare della Lega Nord

Chiede “azioni incisive contro il fenomeno della delocalizzazione industriale”  una proposta di ordine del giorno del gruppo consigliare della Lega Nord. Il testo premette che “sempre più spesso anche nella nostra provincia si assiste al fenomeno della delocalizzazione dei sistemi di produzione; è in atto una vera e propria fuga delle imprese del Nord dal nostro territorio; il processo di internazionalizzazione della produzione interessa in maniera trasversale sia le piccole-medie imprese locali che i comparti distrettuali del Made in Italy (ad es. il settore calzaturiero del comprensorio del Rubicone); sistemi di produzione dislocati oltre i confini penalizzano i livelli occupazionali e molto spesso anche la qualità del prodotto”.

Inoltre si afferma che “il fenomeno della delocalizzazione di impianti e plessi industriali innesca una vera e propria desertificazione del tessuto produttivo - occupazionale locale (stabilimenti vuoti e migliaia di lavoratori a casa); interi comparti industriali abbandonano i nostri territori a causa di una burocrazia soffocante, tempi di attesa snervanti e percorsi amministrativi tortuosi; a tale fenomeno bisogna rispondere tempestivamente con provvedimenti legislativi ben più incisivi di quelli adottati sino ad oggi al fine di tutelare i posti di lavoro e la capacità produttiva del nostro territorio ”.

Per questo si chiede alla giunta e al presidente di impegnarsi “ad attivarsi presso le sedi competenti per operare a favore di quegli imprenditori che restano e investono nei nostri territori, attraverso agevolazioni-sgravi fiscali, incentivi, e finanziamenti, volendo premiare chi produce localmente; ad attivarsi affinché si possa aprire un dibattito politico virtuoso con l'obiettivo finale di giungere ad un inversione di tendenza scongiurando il rischio di un irreversibile impoverimento economico-produttivo dei nostri territori;a promuovere una trattativa energica di confronto con gli imprenditori romagnoli dimostrando maggiore sensibilità per un fenomeno che crea povertà e disoccupazione”. Ha presentato l’ordine del giorno Francesco Billi, consigliere della Lega Nord. Sono intervenuti i consiglieri Maria Grazia Bartolomei, capogruppo dell’Udc, Luciano Minghini, capogruppo del Pd. Hanno votato a favore il testo, dopo alcuni emendamenti, Lega Nord, Pd, Grupo Misto, PdL, Idv; astenuto Udc.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento