menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Lega replica agli attacchi sulla cittadinanza a Zaki: "Discussione sabotata dagli stessi proponenti"

Il gruppo consiliare della Lega replica alle accuse avanzate dai gruppi del Partito Democratico, Forlì & Co e Italia Viva in merito alle modalità di svolgimento e trattazione degli argomenti dell’ultimo consiglio comunale

“È difficile votare una mozione in consiglio comunale se le forze politiche proponenti decidono, improvvisamente, di sabotarne la discussione e, dunque, l’approvazione, ritirandola senza alcun motivo. È altrettanto difficile, per non dire curioso, affermare che l’atto di indirizzo sul conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki, non più all’ordine del giorno dell’ultima seduta, è stato bocciato dalla coalizione di maggioranza ritrovatasi di punto in bianco da sola in aula dopo l’abbandono della minoranza". Il gruppo consiliare della Lega replica così alle accuse avanzate dai gruppi del Partito Democratico, Forlì & Co e Italia Viva in merito alle modalità di svolgimento e trattazione degli argomenti dell’ultimo consiglio comunale.

“Va bene che la sinistra forlivese versa in uno stato confusionale al limite dell’imbarazzo – aggiungono i leghisti – ma basterebbe che si riguardassero le registrazioni del consiglio comunale per rinfrescare gli ingranaggi della propria memoria. Se ce ne avessero data l’occasione, non solo avremmo discusso la mozione, arricchendola nel dispositivo finale e nelle premesse, ma ne avremmo adottata una versione condivisa nell’interesse non solo della maggioranza, ma di tutto il consiglio.Anche sul presunto immobilismo che contraddistinguerebbe gli organi della Giunta e del Consiglio il Pd forlivese, spalleggiato da Forlì & Co e Italia Viva, è alle prese con una cantonata colossale. Mossi dal rancore e dall’incapacità di gettare il pregiudizio politico oltre l’ostacolo, i consiglieri di minoranza ‘negano’ l’evidenza e preferiscono dileggiare l’avversario piuttosto che riconoscerne lo sforzo titanico, se inserito nel contesto dell’emergenza Covid, in termini di provvedimenti straordinari e ordinari. Qualche esempio? Sul fronte dello sport il nostro vicesindaco, Daniele Mezzacapo, ha lanciato un vero e proprio salvagente alle società sportive della nostra città, mettendolo a disposizione 200mila euro di fondi comunali. Altri 200mila sono in arrivo per i gestori degli impianti. L’assessore alle imprese, Paola Casara, sta lavorando in queste settimane con le associazioni di categoria per la definizione del secondo avviso riguardante i ristori alle attività commerciali del territorio. L’assessore al welfare, Rosaria Tassinari, ha riportato proprio in questi in giorni i numeri dell’iniziativa, unica nel suo genere, denominata ‘Fiducia in Comune’ volta a sostenere l’erogazione di piccoli prestiti a famiglie in condizioni di disagio economico. L’assessore al Bilancio, Vittorio Cicognani, ha illustrato, proprio nell’ultimo consiglio comunale, il nuovo regolamento per la definizione delle aliquote Irpef, poi approvato da tuti i gruppi. L’assessore alla viabilità, Giuseppe Petetta, ha portato a casa un risultato storico per la nostra città, ovvero l’ipotesi di modifica dell’ultimo lotto della tangenziale con la salvaguardia di via Cangini".

"E ancora - continuano gli esponenti del Carroccio - L'assessore al turismo Andrea Cintorino ha di recente fatto inserire il nostro Comune nel progetto di promo commercializzazione ‘Le Vie di Dante’ e definito le linee guida del nuovo Iat. Poi c’è la cultura, con le innumerevoli attività di progettazione dell’assessore Melandri in vista della ripartenza. E l’assessore al personale, Maria Pia Baroni, che ha saputo sbloccare con intelligenza e pragmatismo la situazione dell’archivio generale. Dunque – conclude il gruppo della Lega – quando si parla di Amministrazioni lacerate da diatribe interne e incapaci di fare il bene della città, si dovrebbe volgere lo sguardo al passato, a chi ci ha preceduto e alla sinistra di governo. In poco meno di due anni e con l’aggravante dell’evoluzione pandemica, la Giunta Zattini ha saputo cambiare il volto di questo Comune dimostrando di sapere intervenire dove altri, per disinteresse o per inerzia, non erano intervenuti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento