rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Costituzione

"La Via Maestra" in difesa della Costituzione: il Comitato Romagna scrive agli amministratori locali per l'adesione alla manifestazione

 Aumentano quotidianamente le partecipazioni all’iniziativa, anche quelle dei sindaci e dei presidenti di Provincia, ai quali, il Comitato Romagna Insieme per la Costituzione, ha inviato la richiesta di adesione chiedendo il sostegno alla manifestazione e all’appello

Si avvicina il 7 ottobre, data in cui più di 100 associazioni scenderanno in piazza San Giovanni a Roma assieme a tante realtà locali e cittadine. "Una grande manifestazione organizzata per ribadire la necessità di difendere e attuare la Costituzione, i suoi valori e i suoi principi: il lavoro, la pace, l’ambiente, l’eguaglianza, il diritto alla salute e all’istruzione e tutti i diritti civili e sociali contenuti nella Carta Costituzionale", viene ricordato dal "Comitato Romagna - La Via Maestra insieme per la Costituzione". Aumentano quotidianamente le partecipazioni all’iniziativa, anche quelle dei sindaci e dei presidenti di Provincia, ai quali, il Comitato Romagna Insieme per la Costituzione, ha inviato la richiesta di adesione chiedendo il sostegno alla manifestazione e all’appello.

"La partecipazione dei rappresentanti delle istituzioni locali alla manifestazione è molto significativa per noi e rappresenta un elemento di ulteriore forza per l’appuntamento in piazza del 7 ottobre - viene rimarcato dal Comitato -. Le istituzioni locali hanno subito in questi anni pesanti tagli che hanno causato la riduzione dei servizi, e l’aggravamento dei costi per la cittadinanza, le privatizzazioni, le crisi dei bilanci. Gli enti locali dovrebbero invece avere più risorse e strumenti per permettere l’applicazione dei principi della nostra Carta Costituzionale e anche per la realizzazione dei servizi di welfare locali, fondamentali per le comunità e per il loro benessere".

"Tra i temi urgenti che ci spingono a scendere in piazza, ci sono il nostro "no" al presidenzialismo o Premierato elettivo e il nostro "no" ai progetti di autonomia differenziata, che dividono e impoveriscono il Paese, sottraendo risorse anche a scuola e sanità, che sono tra gli elementi chiave per creare uguaglianza tra le persone ed evitare una guerra sociale, dannosa per tutti/e, soprattutto per le persone meno abbienti - concludono dal Comitato -.- Rinnoviamo l’invito a partecipare alla manifestazione anche a tutte le persone che credono nell’importanza del lavoro dignitoso per tutte e tutti, nella sicurezza nei luoghi di lavoro, nella sanità pubblica, nel diritto allo studio, nella tutela dell’ambiente e nelle politiche di pace". Dalla Romagna sono previste partenze in pullman: tutte le informazioni sui social delle Cgil di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Via Maestra" in difesa della Costituzione: il Comitato Romagna scrive agli amministratori locali per l'adesione alla manifestazione

ForlìToday è in caricamento