Mezzacapo (Lega Nord) attacca Drei: "Forlì invasa di accattoni, abusivi e prostitute"

Il capogruppo della Lega Nord Romagna, Daniele Mezzacapo, attacca così l'amministrazione di Davide Drei

“Forlì mai così in basso come con questo sindaco e con la sua giunta, veri e propri incapaci di amministrare la città". Il capogruppo della Lega Nord Romagna, Daniele Mezzacapo, attacca così l'amministrazione di Davide Drei. Osserva l'esponente del Carroccio: "Piazza Saffi, quella che il Vicesindaco Veronica Zanetti definisce in Consiglio Comunale “salotto e vetrina della città”, è invasa ma venditori abusivi di libri, di fiori, di scope e di tappeti che sbarrano la strada ai passanti, li fermano e con modi di fare arroganti insistono per vendere i loro prodotti, esclamando frasi (ingiuriose?) nella loro lingua madre, se il potenziale acquirente si rifiuta di comprare qualcosa".

"Corso Garibaldi, Viale delle Torri, Corso della Repubblica ed in generale tutte le vie del centro città sono invase da extracomunitari che chiedono ai passanti qualche euro, oppure di comprare i classici fazzolettini di carta o un accendino. Non va certamente meglio se ci si sposta dal centro – continua il leghista - fuori dai supermercati proliferano gli accattoni e i mendicanti, i parcheggi sono invasi da ladri che a cielo aperto, aprono le automobili e rubano gli oggetti posti all’interno. A Villanova, segnalano i residenti, sono tornate le prostitute, come del resto in zona Portici a pochi passi dal centro storico, dove le forze dell’ordine sono già intervenute in diverse occasioni arrestando e sanzionando le giovani donne e i loro clienti".

"Raffiche di furti in abitazioni private e aziende puntualmente depredate da male intenzionati che violano le proprietà e razziano ogni cosa, soldi, oggetti di valore, automobili, senza tregua per i cittadini forlivesi ormai esausti - aggiunge Mezzacapo -. Un clima generale di terrore e di insicurezza quello in cui vivono i cittadini stretti a barricarsi in casa e ricorrere alla tutela della vigilanza privata, seppur con i suoi limiti". "Cosa fa il Sindaco di Forlì in tutto questo?", si interroga il segretario comunale del Carroccio. "Considerato che in Consiglio Comunale il primo cittadino è spesso assente o presente per la minima parte del tempo, lo immaginavo impegnato a risolvere questi problemi, ma così non è, anzi tutt’altro", attacca ancora.

"Pare che la sicurezza a Forlì sia un problema solo per la Lega Nord, per gli altri partiti del centro sinistra, Partito Democratico in particolare i problemi sono altri – afferma l’esponente leghista - probabilmente il partito renziano sta reclutando cinesi per le prossime “democratiche primarie”. Ma non è finita, la stazione è diventata un dormitorio gremita di barboni che hanno trovato ospitalità nel lassismo di questa amministrazione da tempo allo sbando. Molti pendolari che utilizzano il treno la mattina, segnalano che nelle prime ore del giorno in stazione vi sono decine di persone distese sopra cartoni e coperte che dormono e che talvolta non vengono neppure fatte sloggiare". La città, in ogni quartiere è ormai al collasso, centro storico, Villanova, Carpinello, Pievequinta, Villafranca e San Martino in Villafranca, Cava, Ca’ossi, Foro Boario e tanti altri quartieri sono afflitti da problemi di sicurezza e degrado che questo Sindaco si dimostra quotidianamente non in grado di affrontare", conclude il capogruppo della Lega Nord.


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata torna in Corso della Repubblica: colpaccio con soli 3 euro

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Assalita nella lite condominiale a suon di 'terrona' e 'morta di fame': l'amara segnalazione di una donna

  • Due concorsi per una settantina di posti nel pubblico impiego, la Cgil organizza la formazione

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

  • Oltre un milione di spettatori per il servizio sull'ospedale di Forlì in onda su Rai Tre

Torna su
ForlìToday è in caricamento