Giovedì, 17 Giugno 2021
Politica

A tre anni dal "nevone", la Lega: "Rimborsi mai arrivati e nessun aiuto dalla Regione"

Comuni montanti isolati, traffico in tilt e centinaia di piccole medie imprese messe ko dall'inferno bianco: produzione bloccata, interi capannoni crollati, decine e decine gli operai senza lavoro queste le conseguenze del "nevone del 2012"

Sono trascorsi già tre anni dalla storica nevicata che mise sotto assedio la Romagna per ben due settimane. Comuni montanti isolati, traffico in tilt e centinaia di piccole medie imprese messe ko dall'inferno bianco: produzione bloccata, interi capannoni crollati, decine e decine gli operai senza lavoro queste le conseguenze del "nevone del 2012". La Lega Nord Romagna, attraverso il consigliere regionale Massimiliano Pompignoli, evidenzia che "dopo tre anni rimborsi mai arrivati e nessun aiuto dalla Regione" sono "tantissime le imprese romagnole costrette a chiudere e gli imprenditori costretti a dichiarare il fallimento. Dal presidente Stefano Bonaccini vogliamo un intervento risolutivo immediato."

"L'esponente del Carroccio parla di "rassegnazione ma anche tanta rabbia"; un sentimento "che accomuna molti piccoli medi imprenditori delle provincie di Forlì-Cesena e Rimini colpiti dalla maxi nevicata del febbraio 2012 e ancora oggi in attesa di un aiuto per far ripartire le proprie aziende. Tre anni e molti di loro non hanno visto ancora nemmeno un centesimo dei fondi regionali stanziati dalla Giunta Errani e oggi congelati in attesa di verifiche procedurali da parte dell'Unione Europea".

"Uno schiaffo in faccia ai nostri imprenditori che hanno esaurito la pazienza, costretti a districarsi tra labirinti burocratici per presentare alla Regione la domanda di risarcimento di almeno una parte dei danni causati dal nevone e poi abbandonati a loro stessi", afferma Paolo Ricci, coordinatore leghista della Valmarecchia e direttamente a conoscenza del dramma che ha investito la zona dell'alto riminese.

"Dopo i tempi biblici della Giunta Errani" - conclude Pompignoli - interrogheremo il Presidente Bonaccini sul perché l'iter di stanziamento dei fondi regionali per la copertura dei danni causati dalla maxi nevicata del 2012 sia stato improvvisamente interrotto, e quali siano le reali perplessità espresse a riguardo dall'Unione Europea, sollecitando al contempo un'azione immediata di tamponamento delle spese sostenute per la ricostruzione al fine di dare una risposta rapida e concreta alle aziende del nostro territorio."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A tre anni dal "nevone", la Lega: "Rimborsi mai arrivati e nessun aiuto dalla Regione"

ForlìToday è in caricamento