menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Luca Bartolini annuncia l'addio a Forza Italia, in vista l'approdo in Fratelli d'Italia

Tra le immagini che Bartolini custodisce c'è "la vittoria storica della mia città capoluogo di Forlì nonché di altre realtà locali come Predappio e tanti altri Comuni"

Luca Bartolini annuncia l'addio a Forza Italia e alla vita attiva politica lo fa attraverso un post pubblicato sulla propria pagina Facebook. "Grazie alla profonda amicizia che mi lega da anni ad Anna Maria Bernini e che non finirò mai di ringraziare per la fiducia ripostami, negli ultimi 3 anni ho ricoperto importanti incarichi di vertice Emiliano-Romagnolo in una fase emergenziale di Forza Italia - è la premessa -. Ora che il partito a livello regionale ha finalmente trovato un suo nuovo equilibrio, ritengo terminato il mio compito e quindi il mio impegno laddove, con mia immensa soddisfazione, penso di aver dato il mio contributo legato anche e soprattutto alle vittorie elettorali del centro destra in tanti Comuni romagnoli". Bartolini, come il fratello Damiano Bartolini, potrebbe presto approdare in Fratelli d'Italia, come d'altra parte fatto da molti altri esponenti berlusconiani nelle ultime settimane.

Tra le immagini che Bartolini custodisce c'è "la vittoria storica della mia città capoluogo di Forlì nonché di altre realtà locali come Predappio e tanti altri Comuni che han fatto capire finalmente ai romagnoli che cambiare, in meglio, si può. Anche in una terra notoriamente rossa come la nostra". "Sul piano umano e personale auguro il meglio possibile alla nuova classe dirigente regionale e torno ad occuparmi esclusivamente della mia famiglia e del mio lavoro - prosegue -. Agli amici che in questi anni ho coinvolto e che mi han seguito e condiviso con me questa importante esperienza politica dico che sul piano personale nulla cambierà e che comunque sia, soprattutto per quelli che oggi ricoprono incarichi elettivi, rispetterò fino in fondo qualsiasi scelta che eventualmente vorranno fare o meno".

"35 anni di attività politica ininterrotta mi han portato ad avere una fitta rete di relazioni personali e ai tanti amici che mi stan chiedendo cosa andrò a fare rispondo che la politica per me è una passione, e quando è tale è come un tarlo che nessuno riesce a togliere, a prescindere dagli incarichi - prosegue -. Termino questa mia esperienza, ma mantengo inalterata la mia passione e, come sempre accaduto nella mia storia personale, a chi me lo chiederà darò, in amicizia, sempre e volentieri un mio personale contributo in particolare a sostegno di chi a livello locale oggi ha incarichi amministrativi anche importanti o, a maggior ragione, a chi sta ancora lavorando per realizzare una politica dell’alternanza alla sinistra che amministra in alcuni Comuni addirittura ininterrottamente da 70 anni".

Infine una considerazione sul piano politico nazionale: "Da semplice osservatore, seguirò con particolare attenzione chi darà una prospettiva politica chiara e seria a questo Paese purché chiaramente contraria ad ogni forma di inciucio e di collaborazione con la sinistra di 5stelle e Pd perché questa nostra Patria, soprattutto oggi nel periodo più brutto e più buio di sempre dal dopoguerra, merita ben altra classe dirigente rispetto a questa che maldestramente e senza consenso elettorale purtroppo ancora ci governa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento