menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Modigliana, ricordati i 75 anni dalla liberazione. E il sindaco esprime solidarietà alla senatrice Liliana Segre

"Sono passati 75 anni da quel giorno in cui Modigliana poté dichiarare la Liberazione dall’occupazione nazi-fascista; un tempo che ci appare lontano, ma i temi e i valori di allora sono ancora attuali", ha esordito il primo cittadino

Nella seduta del Consiglio Comunale di giovedì il sindaco Jader Dardi, con un minuto di silenzio, ha ricordato l’anniversario della Liberazione. "Sono passati 75 anni da quel giorno in cui Modigliana poté dichiarare la Liberazione dall’occupazione nazi-fascista; un tempo che ci appare lontano, ma i temi e i valori di allora sono ancora attuali - ha esordito il primo cittadino -. Non abbiamo organizzato in questa giornata un evento per ricordare questa ricorrenza che negli anni, ho potuto riscontrare, si è demandata alle celebrazioni del 25 aprile, è però importante, è necessario ricordare che la libertà di espressione, la libertà di associazionismo, perfino la stessa libertà di potersi muovere o di professare la propria fede, non sempre sono state un diritto per i cittadini del nostro Paese. Diritti cancellati nei lunghi anni della dittatura fascista che ci aveva portato alla seconda guerra mondiale, alla distruzione e all’umiliazione del nostro Paese. E in questa occasione noi esercitiamo un diritto che altri ci hanno lasciato e di cui dobbiamo essere grati".

"La coincidenza del Consiglio Comunale, che è il luogo di espressione della Comunità, è un modo concreto di esercitare quella libertà che, a lungo, nel nostro Paese era stata negata a chi ci ha preceduto - ha proseguito -. Sentivo il dovere di ricordare questa giornata con un momento di riflessione pur a distanza di 75 anni da quegli avvenimenti. Non dobbiamo dimenticare che sono ancora vive e purtroppo attuali le ferite di chi ha subito le leggi razziali e la deportazione e non si possono sottovalutare le minacce a chi ha già conosciuto sulla propria pelle la vergogna della deportazione, voglio esprimere la mia solidarietà, penso anche a nome di tutto il Consiglio comunale, alla senatrice Liliana Segre".

Dardi ha anche ricordato come Modigliana, con decreto del Presidente della Repubblica del 31 dicembre del 1961 ricevette la medaglia di bronzo al valore civile per quanto ha compiuto dal 1940 al 1945, con questa motivazione: "Fedele alle sue tradizioni di fattivo, costante patriottismo, resistette con fermo coraggio al nemico invasore, subendo dure perdite di vite umane e di beni materiali". Il 27 maggio del 1962, il Generale di Corpo d’Armata Aldo Beolchini appuntò al Gonfalone del nostro Comune la Medaglia di Bronzo. Sono solo 5 i Comuni della nostra Provincia i cui Gonfaloni si possono fregiare di una così importante onorificenza. "Modigliana è stata protagonista attiva nella lotta di Liberazione e grazie a quelle donne e a quegli uomini noi oggi possiamo esercitare il nostro diritto di riunirci liberamente, Liberi di potere esprimere le nostre opinioni", ha concluso. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento