Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

Il Movimento 5 Stelle si riorganizza, Mauro Frisoni nuovo coordinatore provinciale: al centro la "Carta dei principi e dei valori"

Originario di Savignano sul Rubicone, consigliere comunale e insegnante. Nelle prossime settimane saranno costituiti i gruppi territoriali. Si lavora a una lista per le elezioni amministrative di Galeata

Nuova organizzazione territoriale per il Movimento 5 Stelle ufficializzata con la nomina di Mauro Frisoni a nuovo coordinatore provinciale di Forlì-Cesena. Originario di Savignano sul Rubicone, dove da nove anni siede in consiglio comunale e per due volte è stato candidato sindaco, 59 anni, insegnante di matematica e geologo, Frisoni ha ricevuto una nomina fiduciaria e traghetterà la nuova fase del partito, a cominciare dalla costituzione dei gruppi territoriali che avverrà nelle prossime settimane e all’individuazione dei referenti per i diversi settori tematici.

Una figura di cui da tempo si avvertiva l’esigenza, all’interno del Movimento, e che ha già cominciato il suo viaggio sul territorio incontrando cittadini e rappresentanti della società civile. Al centro della sua azione c’è la “Carta dei principi e dei valori”, con una attenzione particolare all’uso del linguaggio politico e alla formazione, mantenendo vivo il dialogo con le altre forze politiche e con le rappresentanze civiche, in un alveo progressista.

VIDEO - Movimento 5 Stelle, si presenta il nuovo coordinatore

“La Carta sarà la mia bussola - ha detto il neo coordinatore - e mi muoverò secondo i suoi principi. Molte persone, soprattutto i giovani, stanno vivendo una forte disaffezione alla politica ma contemporaneamente assistiamo al proliferare di movimenti civici e con loro voglio dialogare sui temi della legalità, della giustizia sociale e dell’ambiente. Spesso siamo stati accusati di avere una narrazione aggressiva e a tratti anche violenta, ecco perché sarò molto attento all’uso del linguaggio e delle parole”. 

Intanto si lavora alla creazione dei gruppi sul territorio, ognuno dei quali avrà un referente votato dalla base e che in virtù di questo ruolo non sarà candidabile nelle sedi istituzionali, a partire dal consiglio comunale. Dopo aver incontrato gli attivisti locali, tra i primi appuntamenti in agenda c’è l’organizzazione di due banchetti a Galeata, il 25 marzo e l’1 aprile, e di una assemblea pubblica, valutando la creazione una lista - sarebbe la quarta - in corsa per le amministrative del 14 e 15 maggio. 

A presentare il nuovo referente provinciale, anche i coordinatori regionali Gabriele Lanzi e Marco Croatti. “Oggi posiamo una ulteriore pietra per il consolidamento del Movimento - hanno sottolineato - grazie a una figura che conosce bene il territorio, un attivista storico delegato dal nostro presidente Conte. La nomina dei coordinatori provinciali rappresenta il completamento del percorso di riorganizzazione interna del M5S, un percorso difficile, complicato dalle gravi crisi attraversate dal Paese negli ultimi anni. Il coordinatore provinciale costituirà un presidio fondamentale per garantire la nostra presenza capillare sui territori, un presidio sempre a disposizione delle comunità di riferimento”.

A ripercorrere le vicende nazionali che, dal 2007 a oggi, hanno interessato il Movimento, Giulia Sarti, già deputata riminese del M5S e referente nazionale su legalità e giustizia. “Ancora oggi sono fondamentali le nostre radici - ha detto Sarti -. Abbiamo attraversato  cambiamenti epocali in questi anni ma una cosa è rimasta la stessa: l’intransigenza su battaglie importanti, dal reddito di cittadinanza alla legge anti corruzione, ma anche quelle a favore delle famiglie e contro i costi della politica. E continueremo ad andare in continuità, anche a livello locale, con i valori originari del movimento”.

Le principali notizie

Il ricovero di Marino Bartoletti

La lezione di vita del dottor Claudio Costa

Influenza, quello che c'è da sapere

Come cambierà il centro di Predappio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Movimento 5 Stelle si riorganizza, Mauro Frisoni nuovo coordinatore provinciale: al centro la "Carta dei principi e dei valori"
ForlìToday è in caricamento