Muri imbrattati da slogan anarchici e problema rifiuti, Ragni: "Inoperosità comunale a combattere l’incuria"

E' quanto afferma il coordinatore comunale di Forza Italia e candidato al Consiglio comunale Fabrizio Ragni

"Mancata raccolta rifiuti, mancati svuotamenti di bidoncini, ma anche sporcizia, mura imbrattate e verde pubblico lasciato allo stato naturale. Sono il mix diabolico che danno di Forlì un'immagine inequivocabilmente negativa". E' quanto afferma il coordinatore comunale di Forza Italia e candidato al Consiglio comunale Fabrizio Ragni, secondo il quale tutta queste serie di problematiche "sono il segno del totale disinteresse dell’amministrazione comunale a guida Pd".

"Sono il frutto di errate politiche gestionali e di servizio di Alea che abbiamo criticato a viva voce da un anno a questa parte - prosegue Ragni -. Sono anche il risultato finale di promesse mai mantenute: che fine hanno fatto le squadre antidegrado che aveva assicurato entrassero in azione il sindaco Drei? Perché non sono state cancellate le centinaia di scritte e orribili graffiti che deturpano muri e facciate di Palazzi, anche, storici della nostra città?”

“Portiamo l’esempio di una delle strade, o meglio, uno dei borghetti più belli di Forli, quel vicolo Matteucci che collega via Giorgina Saffi a corso Diaz nei due sensi imbrattato da slogan anarchici e scritte offensive, mentre il percorso, se messo in sicurezza e ripulito, meriterebbe una targa di valorizzazione turistica - prosegue l'esponente berlusconiano -. Erba alta, stile savana, nelle aree stazione e Portici, mancata raccolta di rifiuti o sporadici ritiri dei rifiuti per le imprese della zona industriale che si trovano costrette ad avvalersi a pagamento di ritiri più celeri e continui piuttosto che rimanere sommersi dall’immondizia, che viene infine stoccata e conferita al secco, ovvero all’inceneritore".

"Su Alea in particolare ripetiamo le nostre contrarietà alle misure adottate - conclude Ragni -. A partire dal fatto che con  le stazioni ecologiche attrezzate di Hera venivano garantiti sconti in bolletta ai privati cittadini  che depositino rifiuti di vario tipo e dimensione in forma differenziata, ma con l'entrata in funzione di Alea questo beneficio è stato soppresso. E’ stato messo a pagamento il ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti ed anche ripulire il giardino da sfalci e ramaglie avrà un costo. Per non parlare del fatto che volevano mettere a pagamento anche il ritiro dei pannoloni usati. A queste pretese diremo sempre : ‘no’. Nel segno dell’equità e della giustizia sociale, una volta al governo della città di Forlì approfondiremo le soluzioni migliori per venire incontro ai cittadini, migliorare il servizio e ridurne il costo per i singoli, le famiglie e le imprese. E’ una delle nostre priorità".

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento