Lunedì, 21 Giugno 2021
Politica

Natale in solitudine per gli anziani dei piccoli comuni, Pompignoli: "Il decreto va corretto"

A firmarla è il presidente della Commissione Bilancio e Affari Istituzionali dell'Assemblea Legislativa della Regione, Massimiliano Pompignoli

Una lettera al governatore della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, per farsi portavoce nella veste di presidente della Conferenza Stato-Regione "dell'urgenza di correggere l'ultimo dpcm" che blinda le feste di Natale e Capodanno. A firmarla è il presidente della Commissione Bilancio e Affari Istituzionali dell'Assemblea Legislativa della Regione, Massimiliano Pompignoli. L'ultimo dpcm firmato dal premier Giuseppe Conte vieta dal 21 dicembre al 6 gennaio tutti gli spostamenti tra Regioni diverse, anche per raggiungere le seconde case, e nei giorni di Natale e Santo Stefano e del primo dell'anno sono vietati su tutto il territorio nazionale anche gli spostamenti tra Comuni

"Il provvedimento, sebbene nelle intenzioni miri all’adozione di misure adeguate e proporzionali all’effettivo livello di rischio dei territori, nei fatti crea profonde disparità tra chi vive in una grande città, con centinaia di migliaia di abitanti, e chi vive in un piccolo paese, con poche centinaia di residenti - evidenzia Pompignoli -. In particolare, il divieto di spostamento tra Comuni nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno non solo fa discutere per la carenza di buon senso utilizzata dal legislatore nella sua stesura, ma si dimostra lesivo delle relazioni umane in un periodo in cui, per ragioni di carattere prudenziale, le occasioni di ricongiungimento familiare sono tanto sporadiche quanto preziose. L’applicazione di tale divieto, infatti, vedrà costretti molti anziani, residenti nei piccoli centri abitati di montagna, a passare il Natale o il Capodanno in solitudine, privati del conforto e del calore dei propri cari che il più delle volte vivono a pochi chilometri di distanza, ma in un altro Comune".

Da qui l'appello a Bonaccini a "farsi portavoce dell’urgenza di correggere l’ultimo Dpcm andando a concedere la possibilità di effettuare spostamenti tra Comuni all’interno della stessa Provincia nelle giornate di Natale, Santo Stefano e Capodanno e, più in generale, nel periodo delle festività natalizie. Si tratterebbe di una soluzione di buon senso e di un ottimo compromesso in termini di tutela della salute pubblica, sicurezza e umanità".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale in solitudine per gli anziani dei piccoli comuni, Pompignoli: "Il decreto va corretto"

ForlìToday è in caricamento