menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Occupazione: 331 giovani lavoratori assunti o stabilizzati in provincia

Sono gocce nel deserto, ma per qualcuno hanno davvero fatto la differenza. In provincia di Forlì-Cesena sono stati 331 i giovani assunti o regolarizzati nel 2012 grazie ai contributi regionali

Sono gocce nel deserto, ma per qualcuno hanno davvero fatto la differenza. In provincia di Forlì-Cesena sono stati 331 i giovani assunti o regolarizzati nel 2012 grazie ai contributi regionali per la stabilizzazione del posto di lavoro. Le domande e le istruttorie sono state gestite dalle Province e ora, a seguito della pubblicazione della settima e ultima delibera regionale di assegnazione dei contributi, è possibile quantificare con esattezza le ricadute del provvedimento sul territorio provinciale.

I 331 assunti o stabilizzati, in 250 aziende, hanno comportato una spesa per la Regione pari a 2,5 milioni di euro, attinti da un fondo straordinario (finanziato con risorse comunitarie, nazionali e regionali) rivolto ai giovani tra i 18 e i 34 anni. I settori più coinvolti sono stati il commercio, l’artigianato (soprattutto gli installatori di impianti energetici - caldaie - refrigeratori), le piccole imprese meccaniche, i servizi, Internet ed il mondo dell’informatica, il sociale e l’ambiente.

Tra i comuni nel cui territorio risiedono le aziende che hanno assunto, spiccano Forlì con 115 nuovi contratti a tempo indeterminato e Cesena (109). Gli altri Comuni interessati sono stati Cesenatico (21), Bertinoro (13), Gambettola (11), Forlimpopoli (8), Bagno di Romagna, Longiano e Savignano sul Rubicone (7), Modigliana (5), Meldola, Mercato Saraceno e Predappio (4), Castrocaro e Gatteo (3), San Mauro Pascoli e Santa Sofia (2), Civitella di Romagna, Galeata, Roncofreddo, Sogliano al Rubicone, Tredozio e Verghereto (1).

“A fronte dei dati in nostro possesso – afferma il consigliere regionale del Pd Damiano Zoffoli – c’è ancora molto da fare. Nel territorio di Forlì-Cesena i disoccupati alla fine del 2012 erano oltre 34.600, con un aumento dell’11,2 per cento rispetto all’anno precedente. Essere riusciti ad evitare questa sorte ad oltre 330 giovani è motivo di soddisfazione ma è chiaramente ancora troppo poco di fronte alla dimensione complessiva del problema. La Regione però ha dimostrato di esserci. Con le linee di programmazione ed indirizzo 2011/2013 sta compiendo tutti i passi che le è concesso fare per invertire la rotta. Oltre al fondo per l’assunzione e la stabilizzazione lavorativa, sono partiti incentivi e contributi per lo start up di nuove imprese e per le aziende che investono, che internazionalizzano le loro attività, che affrontano la ricerca e l’innovazione, che si impegnano nella formazione”.

Le citate “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013”, approvate dell’Assemblea Legislativa nel marzo 2011, individuavano in un accordo triennale tra la Regione e le nove Amministrazioni provinciali lo strumento atto a coordinare le iniziative previste per dar corpo alle politiche per il lavoro. Gli incentivi erano graduali, a seconda delle caratteristiche di “svantaggio” del lavoratore assunto, raggiungendo l’apice dei 12mila euro in caso di assunzione di giovani donne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento