Ospedale Forlimpopoli, la Lega. "Zoffoli doveva dimettersi"

Infatti come prima osservazione, questa bozza di ristrutturazione del complesso dell’ospedale di Forlimpopoli presentata lungo il corso della serata, rende giustizia al nostro moviment

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

A seguito l’assemblea pubblica svolta nella serata di giovedi , i rispettivi consiglieri comunali di Forlimpopoli  Gian Paolo Camporesi e di Bertinoro Milandri Matteo, tengono a ribadire quanto da sempre sostenuto da tutto il nostro movimento.  In effetti l’assemblea pubblica di positivo riscontra solamente la buona iniziativa che però risulta tardiva nei confronti della popolazione sia di Forlimpopoli che di Bertinoro. Infatti come prima osservazione, questa bozza di ristrutturazione del complesso dell’ospedale di Forlimpopoli presentata lungo il corso della serata, rende giustizia al nostro movimento quando oltre un anno fa intraprese l’iniziativa di una raccolta firme (5.000 sono state raccolte), al contrario il Sindaco Zoffoli e qualche suo rappresentante o compagno di partito continuavano a far passare il messaggio che quelli della Lega si erano inventati una battaglia demagogica, sia l’ospedale che il punto di primo intervento non sarebbero assolutamente cambiati. Insomma, proprio nulla non diremmo, tant’e’ vero che in un futuro  molto prossimo potremmo recarci al punto di primo intervento di Forlimpopoli e invece di trovare il medico ospedaliero, troveremo un medico di base. Siamo pienamente convinti che non sarà la stessa cosa e, con tutto il rispetto che possiamo avere per i medici di base, certamente non avranno la stessa esperienza e specializzazione di un medico ospedaliero di primo intervento.  
 

Camporesi Gian Paolo. Abbiamo sempre sostenuto che Paolo Zoffoli in quanto sindaco di Forlimpopoli  e contemporaneamente Presidente della conferenza socio sanitaria non sarebbe stato in grado di difendere adeguatamente l’ospedale di Forlimpopoli, gli abbiamo perciò suggerito più volte di dimettersi e di scendere al fianco dei suoi cittadini e da parte nostra, con grande senso di responsabilità, avrebbe trovato un alleato leale, purtroppo così non è stato  e di questo se ne deve assumere la responsabilità politica. Si parla sempre di condivisione di obiettivi e di percorsi comuni, ma anche in questo caso ciò non è avvenuto, in più di una occasione abbiamo infatti chiesto il budget economico della nuova struttura che si verrà a realizzare (la casa della salute), ma questo non ci è stato dato: ci chiediamo perciò se esista e se sia stato redatto!!!!  Non vorremmo infatti che a causa di una nuova mala gestione i conti possano sfuggire di mano nuovamente e i cittadini si vedano tagliare in futuro ulteriori servizi. Riteniamo infatti che la Casa della Salute non sia, come ci vogliono far credere, il “paradiso del malato”, ma sia solo uno strumento per ridurre drasticamente i servizi. Ricordo infatti che la ristrutturazione del Ospedale si è resa necessaria per colmare un deficit di bilancio che l’Usl di Forlì ha accumulato per effetto di una pessima gestione e che ancora una volta a pagare siano i cittadini!!!

Milandri Matteo consigliere comunale di Bertinoro commenta un forte senso di delusione nel non aver individuato nessun esponente della amministrazione comunale di Bertinoro, onestamente davo per scontato che un rappresentante della Giunta avrebbe presenziato a questa assemblea. Un argomento cosi importante e sensibile per la cittadinanza, doveva meritare l’interesse della maggioranza,  detto questo non ho ancora capito quale sia la posizione della giunta Zaccarelli, che ha perso l’ennesima occasione per difendere uno dei principali servizi per i cittadini Bertinoresi.  Preannuncio che entro questa settimana presenterò una interpellanza a risposta scritta, per capire qual’e’ una volta per tutte la posizione reale del Sindaco e della sua Giunta. Continueremo a difendere questo servizio primario, ancor piu’ dopo aver considerato un progetto di questo genere, che non definisce una previsione futura, anche se per il Capogruppo del PD Forlimpopolese Monti, i consiglieri comunali e provinciali che intervengono hanno come finalità lo spot elettorale. In risposta Milandri ricorda di essere un cittadino Bertinorese e un consigliere comunale eletto per curarsi delle problematiche locali,  notevolmente preoccupato di come sino ad ora il PD ha gestito questo caso. Forse la maggioranza, prima di richiamarsi alla politica nazionale, dovrebbe preoccuparsi di rispondere dei provvedimenti che non sono stati presi nei confronti delle persone che hanno mal gestito la Sanità in Emilia Romagna, con particolare riferimento alle nostre comunità.

Entrambi i consiglieri Milandri e Camporesi, ribadiscono inoltre che il Sindaco Zoffoli, consapevole da tempo del ridimensionamento di tutto il complesso ospedaliero, avrebbe dovuto per prima cosa dimettersi da presidente della conferenza socio-sanitaria, comunicare nelle sole vesti da Sindaco alla cittadinanza il cambiamento programmato e, da vero primo cittadino, essere al fianco dei forlimpopolesi  in difesa dell’ospedale.  Non avendo preso in esame l’ipotesi di dimissioni da presidente della conferenza socio-sanitaria, Zoffoli di fatto dovra’ rispondere in prima persona sia ai Forlimpopolesi che ai Bertinoresi di quanto accadrà nel futuro prossimo al nostro Ospedale.  Detto ciò le sezioni di Bertinoro e Forlimpopoli, continueranno la loro battaglia per far sì’ che tutto ciò’ non succeda, ma bensì che venga mantenuto il presidio ospedaliero, con personale, dottori specializzati ed esperti.  
 
 

Torna su
ForlìToday è in caricamento