Casara (Noi Forlivesi) attacca la Giunta: "Il sindaco apra la crisi"

E' quanto afferma il consigliere comunale di Noi Forlivese Paola Casara, secondo la quale è "le difficoltà di questa amministrazione sono evidenti"

"E’ giunta l’ora che il sindaco apra una formale crisi di Giunta e una verifica dell’operato della sua amministrazione in consiglio comunale". E' quanto afferma il consigliere comunale di Noi Forlivese Paola Casara, secondo la quale è "le difficoltà di questa amministrazione sono evidenti e ci si chiede come si possa procrastinare ancora una situazione che rischia di portare Forlì ad un isolamento politico rispetto al dinamismo della gran parte delle città romagnole. Il rimpasto di giunta non ha prodotto nulla, anzi la situazione e' peggiorata notevolmente".

"Le difficolta' di leadership del sindaco Davide Drei sono piu' che mai evidenti e gia' piu' volte evidenziate nella gestione dei suoi manager e assessori - aggiunge -. Per esempio l'ultima irrituale proposta dell'assessore Creta, sugli interventi circa la sosta, apparentemente non condivisa con le imprese e i suoi rappresentanti. L’avviso di garanzia al sindaco, al direttore generale e al presidente di Livia Tellus, sono solo gli ultimi di una serie di incidenti che hanno segnato questi anni di amministrazione". Ma per Casara "destano più preoccupazione gli aspetti di gestione complessiva"

Quanto al centro storico, il piano "è arrivato in forte ritardo, ambizioso, ma privo di soluzioni rapide, che provoca una protesta eclatante dei commercianti. Un bando sul centro, assegnato ad una società controllata ( la Fiera di Forlì), priva di esperienza in questo campo, che dovrebbe pensare piuttosto al rilancio di se stessa". Casara approfindisce anche la questione della gestione degli impianti: "Un ennesimo bando del Palafiera non andato a buon fine che evidenzia incapacità nella scrittura stessa e nella formulazione delle richieste, il cui ritardo provoca spese aggiuntive all'amministrazione , costretta a gestirlo direttamente. Inoltre la questione piscina è ancora irrisolta e dai contorni per nulla chiari".

Capitolo società partecipate: "Un impianto generale delle società partecipate che viene messo in discussione dagli stessi amministratori, per l'insostenibilita' economica, come per esempio Forli' citta' solare. La stessa Alea, nuova societa' dei rifiuti, dovra' superare non pochi ostacoli e dovra' dimostrare di portare un miglioramento nella raccolta ed un risparmio effettivo nelle tasche dei cittadini. Il piano del commercio in ritardo di un anno, la complicata vicenda del verde e i procedimenti penali connessi, la gestione dei quartieri, sono altri elementi di criticita'. I ritardi di intervento sulle questioni piu' scottanti, denotano oltre ad una scarsa lungimiranza, evidenti carenze di gestione, che i cittadini pagano e pagheranno a caro prezzo nell’impietoso confronto con le altre città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Furgone si scontra contro un'auto: tragedia sull'incrocio pericoloso della via Emilia, muore un 57enne

  • Sciagura sui binari, morto un giovane travolto da un treno: traffico paralizzato per ore

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • Le rubano una bici elettrica, coppia finisce nel mirino della Polizia

  • Pizza napoletana per la ricerca contro il Coronavirus: "Divieto ai cinesi? Chiedo scusa"

  • Urla e danneggiamenti nel cuore della notte: trovato ubriaco in strada in maglietta e mutande

Torna su
ForlìToday è in caricamento