menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco Foreste Casentinesi, Bartolini replica a Capacci

"Replico controvoglia all'amico Sindaco di Premilcuore Luigi Capacci che, con un comunicato stranamente poco cortese, mi pare non abbia compreso bene il mio intervento sul Parco Nazionale"

“Replico controvoglia all’amico Sindaco di Premilcuore Luigi Capacci che, con un comunicato stranamente poco cortese, mi pare non abbia compreso bene il mio intervento sul Parco Nazionale. Premetto innanzitutto  che io, contrariamente a lui, ero e rimango sulla posizione di far  uscire i nostri territori romagnoli dal Parco, tanto che ho chiesto formalmente ad Errani di individuare un percorso istituzionale utile a liberare i nostri Comuni montani da questo Ente incapace di dare quelle risposte di sviluppo che molti si attendevano, Ente sotto scacco continuo di una minoranza di quattro gatti fanatici animal/ambientalisti che da anni dettano legge in casa altrui”. Nuovo intervento del consigliere regionale del Pdl, Luca Bartolini

“Per replicare alle interpretazioni fuori luogo di  Capacci sul mio pensiero,  mi preme precisare che la mia ultima interrogazione non  ha voluto rappresentare una condivisione in ritardo   dell’indicazione del Sindaco di Stia Santini quale futuro presidente. - spiega Bartolini - Avendo profondo rispetto per le istituzioni, ho soltanto invitato Errani a replicare a muso duro al Ministro Clini, ministro di un Governo Monti sconfitto dagli elettori e che scrive lettere di diffida probabilmente  sotto palese dettato dei tanti funzionari animalisti che occupano il suo Ministero e che mettono il veto con pregiudizio ad un candidato Presidente solo perché cacciatore. Ho quindi soltanto voluto difendere la legittima indicazione di tutti gli Enti locali interessati che va rispettata in quanto espressione di chi istituzionalmente è delegato a rappresentare i cittadini.  Questo non significa che io condivida la linea scelta dagli enti locali che, ripeto,  rispetto e difendo sul piano istituzionale, ma che, contrariamente a lui, non condivido non perché Santini sia un cacciatore, anzi, ma solo perché  io, contrariamente a Capacci, che pare avere la memoria corta,  ricordo bene che quando nacque il Parco Nazionale fu fatto un accordo politico tra Romagnoli e Toscani che riconosceva alla Toscana la sede del Parco (a Pratovecchio-AR) e alla Romagna il ruolo di Presidente (all’epoca Valbonesi di Santa Sofia) per garantire un giusto equilibrio territoriale.  Noi a suo tempo ci opponemmo dicendo che le sedi rimanevano mentre i Presidenti potevano cambiare ed infatti il tempo ci ha dato ragione. Oggi la Toscana vanta, sia la sede operativa che il candidato Presidente,  mentre noi romagnoli  vantiamo solo dei super-vincoli imposti dal Parco ai nostri territori  e qualche difensore d’ufficio, come il Sindaco Capacci, di questo Ente calato dall’alto e non gradito dalla maggioranza dei  cittadini”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento