menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Partecipazione, contributi regionali per il progetto “Fiumana partecipa!”

È stata pubblicata la graduatoria del Bando per l’erogazione dei contributi regionali agli enti locali a sostegno dei processi di partecipazione per il 2012. Dodici progetti riceveranno un contributo complessivo di 200 mila euro

È stata pubblicata la graduatoria del Bando per l’erogazione dei contributi regionali agli enti locali a sostegno dei processi di partecipazione per il 2012. Sono 65 i progetti ritenuti ammissibili, di cui 12 riceveranno un contributo complessivo di 200 mila euro. Nella provincia di Forlì-Cesena ne sarà finanziato uno, con quasi 20 mila euro. A comunicarlo, il consigliere regionale PD, Tiziano Alessandrini.


“In tutta la Regione saranno finanziati 12 progetti, uno in provincia di Forlì-Cesena – commenta Alessandrini – a riprova della capacità progettuale dei Comuni del nostro territorio e della loro volontà di coinvolgere i cittadini in percorsi di reale partecipazione”.


Si tratta del progetto di politiche di welfare e coesione sociale “Fiumana partecipa!”, del Comune di Predappio, che riceverà 19.900 euro. Il progetto prevede la costituzione di un’associazione senza fini di lucro che prenda in locazione e gestisca l’unico immobile pubblico di Fiumana, di proprietà demaniale, dando così continuità all’attività dell’unico bar del paese, predisponendo una programmazione socio-culturale della struttura e avviando un processo di ristrutturazione dell’immobile al fine di diminuire, fino ad un decimo, il canone di locazione attuale.


“L’obiettivo – spiega il consigliere – è potenziare il coinvolgimento della comunità locale nella costituzione dell’associazione, creando dal basso un centro polifunzionale di comunità, pubblico, fruibile, condiviso e aperto a tutti. Il centro diventerà uno spazio di aggregazione nel quale costruire relazioni e coesione sociale, un laboratorio permanente dove realizzare iniziative culturali e rafforzare il senso di identità e appartenenza alla comunità”.


Promuovere le forme associative tra enti locali “serve a mantenere la quantità e la qualità dei servizi pubblici a persone, imprese e territorio nonostante i minori trasferimenti del Governo agli enti locali – conclude Alessandrini -. Da anni la Regione Emilia-Romagna sostiene l’associazionismo e i risultati sono evidenti: non si parla solo di consultazioni o di partecipazione attiva dei cittadini alle scelte di programmazione e intervento sul territorio o sulla qualità dei servizi, ma di veri e propri percorsi di partecipazione alla costruzione di progetti di welfare, urbanistici, ambientali”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento