menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Percorso Novecento, Ragni (Pdl): "Esclusa Villa Mussolini"

E' quanto sostiene Fabrizio Ragni, consigliere comunale del PdL, sul tema del fascismo e di villa Mussolini esclusa dal percorso del Novecento. "Eppure a Carpena, residenza della famiglia Mussolini, si è scritta una pagina di storia. Da un governo di professori come quello forlivese ci saremmo aspettati la valorizzazione complessiva di un patrimonio ancora sottostimato"

"Sciocco cancellare la storia e continuare ad occultare le tracce fisiche del Ventennio. Non lo dichiara un mussoliniano di provata fede ma Walter Veltroni, ex sindaco di Roma, ex segretario del Pd e davvero non sospettabile di nostalgie. È questa la sua riflessione nel commentare la scoperta dell’ultimo bunker del Duce, sotto palazzo Venezia a Roma. Il monito di Veltroni riguarda molto da vicino anche l’amministrazione comunale di Forlì. L’assessore alla Cultura Patrick Leech, con piglio ben poco anglosassone, ha escluso villa Mussolini dal percorso del Novecento".

E' quanto sostiene Fabrizio Ragni, consigliere comunale del PdL, sul tema del fascismo e di villa Mussolini esclusa dal percorso del Novecento.

"Eppure a Carpena, residenza della famiglia Mussolini, si è scritta una pagina di storia. Da un governo di professori come quello forlivese ci saremmo aspettati la valorizzazione complessiva di un patrimonio ancora sottostimato e che farebbe guadagnare a Forlì una ribalta mondiale. Carpena non può essere vista come una realtà a parte, ma va considerata insieme alla Rocca delle Caminate e a tutti i segni dell’architettura razionalista" continua Ragni.

"In un anno denso di appuntamenti culturali con quella parte di storia non solo italiana - dice ancora il consigliere del PDL - che riserva ancora oggi nuove scoperte, è ora che Leech metta all’opera un pool di storici per valutare davvero quel materiale. Non c’è alcun ostacolo da parte di Domenico Morosini, oggi padrone della villa. Più di una volta il proprietario ha manifestato la sua totale disponibilità a collaborare. Invece un paio di anni fa il professore pensò di cavarsela con una lectio brevis, una visitina lampo per concludere che non c’è nulla da salvare. Giudizio sprezzante e antistorico, è tempo di rimediare. Errare è umano,  perseverare…"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento