menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pignoramento dell'Asp Oasi, Pasini (Udc): "A rischio gli stipendi dei dipendenti"

E’ di questi giorni la notizia dell’atto di pignoramento emesso dal Tribunale di Forlì, nei confronti dell’Asp Oasi, Azienda Pubblica di Servizi e successivamente dei sui creditori, Comune di Forlì e AUSL di Forlì

E’ di questi giorni la notizia dell’atto di pignoramento emesso dal Tribunale di Forlì, nei confronti dell’Asp Oasi, Azienda Pubblica di Servizi e successivamente dei sui creditori, Comune di Forlì e AUSL di Forlì. “L’importo del credito di 434mila 906 euro, era già stato intimato in forza di Decreto Ingiuntivo emesso dal Tribunale il 30 novembre 2012 – ricorda il capogruppo in consiglio comunale dell'Udc, Andrea Pasini - divenuto pignorabile per mancanza di opposizione il 14 maggio 2013”.

“Ad oggi, all’atto del pignoramento, l’importo precettato è pari a 753mila 182 euro. A seguito di ciò, l’Amministrazione Comunale è obbligata a sospendere la liquidazione a favore di Asp Oasi delle somme mensili da rimborsare anticipatamente per la retribuzione del personale dell’Asilo Santarelli. Da questo – sostiene Pasini – deriva il  rischio per i dipendenti di non essere pagati (pare che luglio sia stato pagato comunque)”. Siamo arrivati  al punto in cui  anche i dipendenti pubblici ( o assimilabili) rischiano lo stipendio? - si chiede Pasini - L’udienza in tribunale è fissata per il 10 settembre 2013, ma i primi del mese dovrebbe riaprire l’asilo; con quali insegnanti? Chi li paga?”.

“Ho chiesto da tempo, invano, che il Comune di Forlì tenesse una udienza conoscitiva sulle difficoltà dell’Oasi, che è bene ribadire gestiva il vecchio e glorioso asilo Santarelli. - precisa il consigliere - Ho chiesto tutta una serie di documenti che non ho ancora ricevuto (contratti e convenzioni). Ho posto il problema e non ho ottenuto nessuna risposta ufficiale. Solo voci di corridoio , ipotesi di scioglimento dell’azienda. Nulla di preciso. Il consiglio comunale e tutte le forze politiche tenute all’oscuro di una vicenda complessa e delicata, in quanto investe il futuro del servizio e dei suoi dipendenti”.

Per questo è richiesta una immediata convocazione della 3° Commissione consiliare, in cui sia invitato ad intervenire il CDA dell’Oasi e il competente assessore, per riferire in merito ed a produrre tutta la documentazione richiesta. “Da parte mia, - dice Pasini - in attesa di conoscere di come effettivamente stanno le cose, propongo di trasferire d’intesa con la Cad il pignoramento dalle somme liquide ed esigibili dovute all’Oasi dal Comune di Forlì e dell’AUSL di Forlì sui beni immobili di proprietà dell’azienda , in modo da liberare le risorse per pagare gli stipendi al personale dipendente”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento