Plastic-tax, Marco Di Maio tra lavoratori e imprese in piazza: "Va eliminata, non è così che si promuove l'ecologia"

E' necessario promuovere una riconversione ecologica del nostro sistema produttivo - ha detto il parlamentare -, ma non lo si può fare con un approccio punitivo"

Anche il parlamentare romagnolo di Italia Viva, Marco Di Maio, ha partecipato alla manifestazione indetta a Roma da operatori e i lavoratori delle imprese legata alla plastica e al settore alimentare che protestano contro plastic e sugar tax. "E' necessario promuovere una riconversione ecologica del nostro sistema produttivo - ha detto il parlamentare -, ma non lo si può fare con un approccio punitivo, con tasse che non condizionano le abitudini di consumo dei cittadini e, invece, rischiano di ridurre posti di lavoro e accrescere le spese per le famiglie. Serve un approccio premiale, che dia valori ai comportamenti virtuosi e incentivi le corrette abitudini". 

"Queste due imposte sono già state notevolmente ridotte rispetto alle previsioni iniziali - fa notare il deputato, capogruppo della Commissione Affari costituzionali, che nei giorni scorsi ha incontrato numerose imprese romagnole che verrebbero colpite da queste due nuove imposte -, ma restano pesanti per le imprese del settore e per l’indotto; rischierebbero di esserne colpite migliaia di lavoratori della filiera agroalimentare (e non solo ovviamente), oltre che esserci la certezza di un aumento della spesa per le famiglie e i consumatori. Non è ciò che serve in questo momento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Assieme ai colleghi di Italia Viva - aggiunge - stiamo lavorando in maniera leale e costruttiva con il Governo, nella convinzione che insieme al ministro Gualtieri e alla maggioranza si riuscirà a trovare una soluzione. Non possiamo dimenticare che questo Governo è nato proprio per evitare l’aumento della tassazione e infatti si eviterà l'incremento di 23 miliardi di tasse lasciato da Salvini che aveva previsto l'aumento Iva al 25,2% dal primo gennaio 2020. Con l’Iva, i telefonini, le auto aziendali, la cedolare secca e altri temi, ci siamo riusciti: ora il nostro impegno è impedire che le cittadine e i cittadini siano sottoposti a nuovi balzelli".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • Saette, tuoni e brusco calo delle temperature. E c'è una nuova allerta temporali

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Saetta colpisce e incendia un'insegna pubblicitaria sulla Cervese

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento