menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità /1, Bartolini (Pdl): "La Regione vuole smantellare Forlì"

"Mi dissero la stessa cosa quando anticipai con degli scoop il mega deficit dell'ausl o il trasferimento del direttore generale a Firenze. I fatti poi, come tutti han potuto constatare, mi diedero ragione".

Il consigliere regionale del Pdl, Luca Bartolini, torna all'attacco sul fronte sanità. “Nessuno qui sta strumentalizzando la sanità, lo dico chiaramente, - riferendosi alla risposta di Paolo Zoffoli - perché con questo ritornello stonato la sinistra vuole ricondurre la mia battaglia a una polemica da bar. Mi dissero la stessa cosa quando anticipai con degli scoop il mega deficit dell’ausl o il trasferimento del direttore generale a Firenze. I fatti poi, come tutti han potuto constatare,  mi diedero ragione”.

“Le nostre polemiche sono fondate e la sinistra lo sa bene. Il Pd forlivese sa bene di aver piegato la testa all'ingerenza del presidente Errani, sa bene di avere alla guida della propria Ausl una sorta di “commissario prefettizio” inviato dalla Regione per livellare al ribasso la nostra sanità. - ribadisce Bartolini - Mi auguro, inoltre, che il Pd sappia altrettanto bene come nel nostro ospedale ci siano professionisti che hanno reso grande, in campo sanitario, il nome di Forlì nel mondo e che nel nostro territorio ci sono strutture assistenziali e organizzative di primo ordine, esempi di come la sanità, se gestita con lungimiranza e criterio, possa dare risposte positive alla cittadinanza: a chi vive in città, così come a chi vive in periferia”.

“Purtroppo, però, con il Pal si vuole smantellare tutto questo e da qui era arrivata la richiesta di revocare l'incarico al direttore generale dell'Ausl: niente di personale, sia chiaro, ma serve un segnale netto per smarcarsi dal grigio futuro che la Regione ha disegnato per Forlì. Lo denuncio con forza da tempo, dicendo quelle cose che tutti dentro all'Ospedale affermano solo sottovoce per paura di essere messi all'angolo dai vertici sanitari. Al momento, l'unico dato di fatto che abbiamo in mano, è che l'approvazione del Pal continua a slittare, segno che i malumori sulla stesura del documento sono tanti e forse anche all'interno del centrosinistra qualcuno sta aprendo gli occhi. Evidentemente tutta quella condivisione di cui parla il presidente della Conferenza sanitaria territoriale non esiste. Non mi si venga a dire, per sminuire il mio intervento, che i sindaci di centrodestra dei piccoli Comuni sono d’accordo, quando sappiamo benissimo che non avendo potere contrattuale per la piccola entità che rappresentano, si preoccupano giustamente e prioritariamente di ridurre al minimo i danni a carico della propria popolazione”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlimpopoli, lavori su via Tagliata, usare percorsi alternativi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento