Polizia penitenziaria, Morrone (Lega): "Ritardi negano l'operatività del Gruppo operativo mobile"

Attacca Morrone: "Niente di nuovo sull’organico, sull’addestramento, sulla dotazione e di mezzi e strumenti tecnologici per garantire l’ordine e la sicurezza nei reparti carcerari"

"Ennesimo pasticcio al ministero della Giustizia. Dopo un anno di stallo è stato firmato, il 30 luglio, il nuovo decreto sulla riorganizzazione del Gruppo operativo mobile della Polizia penitenziaria. Un provvedimento monco, perché restituisce al Gom l’autonomia contabile, ma non aggiunge nulla all’operatività pratica e concreta del Gruppo". E' quanto afferma il parlamentare della Lega, Jacopo Morrone, che aggiunge: "Niente di nuovo, quindi, sull’organico, sull’addestramento, sulla dotazione e di mezzi e strumenti tecnologici per garantire l’ordine e la sicurezza nei reparti carcerari".

"Gli estensori del decreto hanno visto bene di recepire solo parte del pacchetto di proposte che avanzai nel mio ruolo di sottosegretario alla Giustizia. E non è un caso - prosegue -. Circa un anno fa, il 9 agosto scorso, quando ancora la Lega era al governo, ci fu il tentativo di far passare la riorganizzazione del Gom sotto silenzio. A mia insaputa fu messo in discussione un testo di decreto che avrebbe segnato, nei fatti, la fine del Gruppo se, in extremis, non ci fosse stata la ferma opposizione mia personale e della mia segreteria in una riunione fissata d’urgenza, senza aver avuto una preventiva conoscenza sui contenuti del decreto. L’impressione è che i vertici del ministero di via Arenula continuino ad essere affetti da un pregiudizio nei confronti della Polizia penitenziaria e delle sue effettive necessità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento