menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Polizia postale di Forlì, scongiurata la chiusura. Molea: "Continuerò a vigilare"

“Gli stessi dati forniti dalla Polizia postale in occasione del recente Safer Internet Day mostrano come nel 2014 i reati di cyberbullismo che hanno come vittime i minori in Italia siano oltre 300, il doppio rispetto all’anno precedente", continua Molea

L’incontro dei giorni scorsi tra il Ministro dell’Interno ed i Sindacati della Polizia di Stato ha allontanato il rischio dell’annunciata chiusura della sezione di Polizia postale e delle comunicazioni di Forlì-Cesena, così come delle altre sezioni provinciali, per demandarne le funzioni a livello regionale. Bruno Molea, deputato forlivese di Scelta Civica per l’Italia che in questi mesi ha seguito da vicino la questione anche attraverso un’interrogazione allo stesso Ministro dell’Interno, esprime la propria soddisfazione per gli ultimi sviluppi.

“E’ stato raggiunto – spiega – un obiettivo strategico importante, con lo stop all’attuale progetto di razionalizzazione dei presidi territoriali e l’attivazione nelle prossime settimane di un Tavolo di coordinamento delle Forze di Polizia che dovrà ridiscuterne le linee fondamentali; un risultato che è indubbiamente frutto del lavoro delle sigle sindacali e dell’attività parlamentare”.

“Oggi – prosegue Molea – in una società nella quale web e social network in particolare costituiscono strumenti diffusi e largamente utilizzati, soprattutto dai giovani, quello fornito dalla Polizia postale rappresenta un servizio fondamentale. Crimini odiosi come la pedopornografia, il cyberbullismo, senza dimenticare i furti di identità e le frodi informatiche, vanno combattuti giorno per giorno, con un’attività capillare anche sul territorio”.

“Gli stessi dati forniti dalla Polizia postale in occasione del recente Safer Internet Day mostrano come nel 2014 i reati di cyberbullismo che hanno come vittime i minori in Italia siano oltre 300, il doppio rispetto all’anno precedente. A questi si aggiungono decine di arresti ed oltre 400 denunce per adescamento di minori on line, produzione, diffusione e commercializzazione on line di materiale pedopornografico. Per questo – conclude Molea – continuerò a vigilare affinché le esigenze di razionalizzazione, per quanto necessarie, non portino allo smantellamento di un servizio fondamentale per la sicurezza di tutti i cittadini, ed in particolare dei minori”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento