Polo di via Bertini, Forza Italia: "Serata condotta faziosamente con illazioni diffamatorie"

"Ho partecipato al confronto organizzato dal comune nel salone del Consiglio Comunale che accolto la richiesta del comitato cittadino che sostiene la bocciatura della variante relativa al supermercato di Coriano"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Ho partecipato al confronto organizzato dal comune nel salone del Consiglio Comunale che accolto la richiesta del comitato cittadino che sostiene la bocciatura della variante relativa al supermercato di Coriano. L’approccio e lo sviluppo dell’incontro messo in piedi dal comitato non è apparso adeguato al rispetto che la Giunta ed il Consiglio hanno invece offerto agli ospiti. 

La Coordinatrice di quartiere che si era proposta qual garante della liceità e della moderazione dell’incontro ha assunto invece la veste di capopopolo, arringando la folla e ponendosi come difensore degli oppressi e vessati dalla Giunta, pronta a difendere i diritti dei gravati dal potere costituito, dimenticando di trovarsi di fronte ad un organismo che rappresenta e garantisce gli interessi legittimi di 120mila cittadini e non solo di un comitato di qualche centinaia (forse) di persone.

La Giunta è un organo democraticamente eletto dai cittadini che si confronta con i loro rappresentanti nelle sedi istituzionali con le regole della democrazia e laddove a mio avviso decida di aprirsi al massimo confronto, quale garanzia di trasparenza questo deve essere accolto come un privilegio da impiegare in un quadro di costruttivo confronto, non come una resa dei conti. I rappresentanti democraticamente eletti meritano il rispetto dovuto alle responsabilità che si assumono nell’interesse generale, posto che siano sottoposti al giudizio degli Organi di controllo previsti. I cittadini è sacrosanto che apportino il loro contributo ma è compito dei tecnici e dei politici verificare se detti suggerimenti possano trovare aderenza nel contesto normativo.

Gli stessi rappresentanti di categoria laddove legittimamente rappresentino le aspettative degli iscritti devono approcciare il confronto con i rappresentanti di Giunta nel rango e nel rispetto dei propri ruoli. Non è apparsa adeguata la definizione del Signor Giancarlo Corzani, direttore di Confesercenti laddove ha apostrofato un imprenditore come l’ingegner Orioli “uno che ha già fatto 13 al totocalcio!” scadendo in espressioni da bar dello sport, che sicuramente non sono un segno di maturità, degna di un rappresentante di categoria che deve garantire l’interpretazione del pensiero di tutti gli associati e non solo il proprio, oltre ad intessere le corrette relazioni con tutti gli operatori e funzioni del territorio per sostenere l’interesse degli esercenti.

Una nota di sincero apprezzamento vada al Vice Sindaco Mezzacapo che preso di mira dalle illazioni diffamatorie di una signora presente, che ha assunto la responsabilità di trasparire un interesse di parte dell’Assessore verso un potenziale acquirente, ha ricevuto una risposta invece istituzionale, rispettosa e molto matura dell’assessore, che ha mostrato una evidente crescita nel ruolo istituzionale che pone eccellenti speranze per un futuro ruolo per la città.   

Raffaele ACRI – Responsabile Provinciale Seniores  Forza Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento