menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Polo di Villafranca, la Circoscrizione: "Non siamo coinvolti"

Durante la seduta di giovedì, il Consiglio della Circoscrizione 1 ha approvato all'unanimità una mozione relativa alla situazione del Polo Scolastico di Villafranca

Durante la seduta di giovedì, il Consiglio della Circoscrizione 1 ha approvato all'unanimità una mozione relativa alla situazione del Polo Scolastico di Villafranca. La mozione ha visto come prima firmataria la Consigliera Manuela Montanari (Pd), che la ha promossa insieme ai Consiglieri Roberto Angelini e Luca Pestelli (PdL). I Consiglieri hanno lamentato uno scarso coinvolgimento della Circoscrizione, del Comitato di Quartiere e delle famiglie di Villafranca nel prendere le decisioni relative al Polo Scolastico.

"Gli interventi dell'Amministrazione sul Polo, tuttavia, sono stati di impatto sociale rilevante si legge in una nota dell'esponente del Pdl, Pestelli -. L’ampliamento già programmato della struttura della Scuola Elementare è stato cancellato dal piano di investimenti comunale; il trasporto integrativo scolastico è stato tagliato; alla Scuola Media sono state rifiutate diverse iscrizioni fuori “bacino d'utenza”, creando notevoli problematiche alle famiglie escluse e dirottate su plessi cittadini, in assenza di un esaustivo trasporto pubblico.

"In queste decisioni conclude l'esponente del Pdl - famiglie, Quartiere, e Circoscrizione non sono stati coinvolti nonostante l'auspicio di collaborazione stretta né dall'Amministrazione, né dalle Istituzioni Scolastiche: attraverso la mozione votata all'unanimità dal Consiglio, i Consiglieri hanno chiesto alla Giunta di promuovere un tavolo di confronto per valutare le problematiche ed il futuro del Polo Scolastico, coinvolgendo gli organi del Decentramento, la popolazione delle frazioni interessate e tutti i principali attori della situazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento