PolStrada di Rocca, Morrone (Lega) e Fratelli d'Italia aderiscono al Comitato contro la chiusura

"Mi auguro che il Ministro Lamorgese risponda al più presto alla mia missiva, presenterò anche un’interrogazione in parlamento", chiosa

Il parlamentare della Lega, Jacopo Morrone, ha aderito "con convinzione" al Comitato nato per difendere l’apertura del distaccamento della Polizia stradale di Rocca San Casciano. "La sicurezza delle nostre strade, dei nostri territori e dei cittadini non può mai essere messa in secondo piano - evidenzia il deputato forlivese -. Mi auguro che il Ministro Lamorgese risponda al più presto alla mia missiva, presenterò anche un’interrogazione in parlamento".

Morrone, ha inviato una lettera al ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, nella quale evidenzia "le gravi conseguenze" derivanti dalla chiusura della sede della Polizia Stradale di Rocca San Casciano, parlando di "un’operazione di ristrutturazione che rischia di mettere a serio rischio la sicurezza stradale oltre che quella del territorio". Si tratta, evidenzia l'esponente del Carroccio, di "una località dove si incrociano arterie di rilevante importanza provinciale e statale, molto trafficate, dove storicamente si devono purtroppo registrare numerosi incidenti stradali anche mortali".

"Sono certo, infatti, che la decisione di sopprimere il distaccamento di Rocca San Casciano rappresenti un errore strategico e sia stata assunta forse senza considerare la preziosa attività svolta localmente, in questi anni, dagli agenti della Polizia stradale e, soprattutto, senza conoscere questo territorio e le sue imprescindibili necessità - prosegue Morrone -. La richiesta che ho rivolto al ministro è che ci siano spazi e tempi per una ulteriore riflessione, nell’unico comune intento di mettere al primo posto la sicurezza stradale e quella di tutti i cittadini".

"Con il medesimo obiettivo di salvaguardare gli indispensabili presidi della Polizia stradale a rischio chiusura, presenterò un ordine del giorno alla Camera - annuncia il deputato forlivese -. Oltre a quello di Rocca, infatti, è prevista la soppressione anche del distaccamento di Lugo, nel ravennate. Si tratta di decisioni calate dall’alto, che non trovano alcuna giustificazione rispetto a una maggiore efficacia e efficienza dell’attività sul territorio. Per questo chiediamo ulteriori confronti e che siano percorse eventuali ipotesi alternative". 

L'adesione di Fratelli d'Italia

Anche Fratelli d'Italia ha aderito al comitato sorto a difesa della Polstrada di Rocca S. Casciano. Il Commissario della Federazione Provinciale di Forli-Cesena Roberto Petri; il coordinatore di Vallata, consigliere di Dovadola e dell'Unione dei Comuni, Riccardo Merendi; e il consigliere dell'Unione, nonché del Comune di Premilcuore, Roberto Leoni, manifestano la volontà di "spendersi per questa giusta causa e parteciperanno alla manifestazione indetta per il 22 febbraio".

"La volontà di chiudere il presidio di Polizia Stradale ci pare francamente un errore, non solo strategico ma che possa arrecare nocumento alla comunità valligiana privandola della preziosa attività svolta localmente in questi anni - aggiungono -. Riteniamo che spogliare le piccole comunità, delle istituzioni e presidi della stato, mini l'identità ed aggravi il senso d'abbandono di chi popola orgogliosamente queste realtà collinari. Rifiutiamo questo approccio e  vogliamo fungere da contrappeso a politiche globalizzatrici tipiche dei governi di sinistra".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Le rubano una bici elettrica, coppia finisce nel mirino della Polizia

  • Non si vedeva da alcuni giorni, trovata senza vita in casa: addio alla storica bidella

Torna su
ForlìToday è in caricamento