menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Primarie, Zanetti (Pd): "Con Renzi ventata di cambiamento"

"La serata al teatro Il Piccolo centra ancora una volta l'obiettivo partecipazione. La presenza di 150 persone circa, tra le quali tante al di fuori delle stereotipate cerchie di partito, dimostra che c'è interesse, curiosità, desiderio di scendere in campo"

"La serata al teatro Il Piccolo centra ancora una volta l'obiettivo partecipazione. La presenza di 150 persone circa, tra le quali tante al di fuori delle stereotipate  cerchie di partito, dimostra che c'è interesse, curiosità, desiderio di scendere in campo. Evidentemente si condivide la consapevolezza che in gioco non ci sono solo le primarie del centrosinistra, ma il futuro stesso del nostro Paese. Il dibattito, grazie agli interlocutori (il sindaco di Forlì Roberto Balzani e il sindaco di Vinci Dario Parrini) freschi reduci dei loro interventi alla Stazione Leopolda, ha spaziato dal tema del cambiamento inteso come motore rigenerante e fisiologico in contrapposizione all'asfittico, autoreferenziale e patologico tentativo di difesa dell'immobilismo, alla necessità di rifondare il nostro Paese sotto il profilo culturale ed etico, passando per i temi della scuola, della trasparenza e della sobrietà.

Questa ventata di cambiamento a 360 gradi emerge con forza in ogni singolo punto del programma di Matteo Renzi. Quando auspichiamo cambiamenti, quando commentiamo in senso positivo o negativo una notizia del telegiornale, quando ci confrontiamo sulle difficoltà che ciascuno di noi vive nel proprio menage quotidiano a cena davanti a una pizza, stiamo facendo politica. La politica ha il compito di effetuare delle scelte e ciascun cittadino ha sia il diritto che il dovere di partecipare a tali scelte. Chi si astiene dal compierle non deve illudersi di non prendere posizione o di protestare contro il sistema, al contrario, lo asseconda, delegando semplicemente ad altri il diritto di scegliere per lui. Qui scatta il moto di orgoglio, il senso di responsabilità che deve investire chiunque. La posta in gioco è troppo importante per sottrarsi. Per questo auspichiamo un'ampia partecipazione domenica alle primarie. Trovare il tempo di andare a votare significa semplicemente investire sul futuro. E in questo senso occorre una chiamata alle armi generale e ciascuno deve contribuire con il suo pezzo di responsabilità".

 

Veroncia Zanetti (capogruppo Pd Comune di Forlì e coordinatrice provinciale comitatixMatteoRenzi)

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento