menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Prodotti nel 2011 oltre 300mila tonnellate di rifiuti

Cala la produzione dei rifiuti in Emilia-Romagna. Secondo il Report dei rifiuti 2012, realizzato dalla Regione e da Arpa, nel 2011 la diminuzione è stata infatti del 3,5%

Cala la produzione dei rifiuti in Emilia-Romagna. Secondo il Report dei rifiuti 2012, realizzato dalla Regione e da Arpa, nel 2011 la diminuzione è stata infatti del 3,5%, mentre nel primo semestre del 2012 si è addirittura registrato un -5%. A comunicarlo, il consigliere regionale PD, Tiziano Alessandrini. «La diminuzione, in netta controtendenza rispetto agli anni precedenti, è dovuta in parte alla contrazione dei consumi legata alla crisi economica – commenta Alessandrini – ma anche a stili di vita più attenti e consapevoli».

A dimostrarlo, la crescita della raccolta differenziata nella nostra regione: nel 2011 si è registrato un 52,9% (ovvero 1 milione e 587 mila tonnellate, pari a 356 kg per abitante), con un aumento del 2,5% rispetto al 2010 e la diminuzione del conferimento in discarica: il 16,7% del totale (-1,7% rispetto al 2010). Rimane stabile il ricorso agli impianti di incenerimento, che riguarda il 24,9% dei rifiuti urbani (- 0,1%) e la produzione dei rifiuti speciali (-0,7% nel 2010 rispetto al 2009). La quasi totalità dei rifiuti differenziati viene avviata a recupero con percentuali che oscillano tra il 77% per la plastica e il 98% per legno e metalli.

Nella Provincia di Forlì-Cesena, invece, nel 2011 si sono prodotti 306.811 tonnellate di rifiuti, pari a 770 kg per abitante. Un dato che deve però fare i conti con la considerazione che circa la metà dei kg prodotti proviene da attività non domestiche. La raccolta differenziata si è attestata al 49,8%. Il 75% dei rifiuti urbani è destinato all’incenerimento, il 20% alla discarica. «I dati descrivono una situazione complessivamente positiva – continua Alessandrini – in linea con le indicazioni che arrivano dall’Unione europea. Abbiamo imboccato la strada giusta, l’importante adesso è non interromperci prima di aver raggiunto la meta».

Tra i passi più importanti da fare, la definizione del Piano regionale per la gestione dei rifiuti, che prenderà il posto degli attuali 9 Piani provinciali. «La Regione sta lavorando con le Istituzioni, i gestori, le imprese di recupero, le associazioni che operano nel settore per la stesura del Piano, che dovrà indirizzare il sistema verso una maggiore sostenibilità complessiva – conclude Alessandrini -, con l’obiettivo di  ridurre la produzione dei rifiuti, e incentivare il recupero della materia e la gestione del tutto in modo sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento