Quartieri, il Pd: "Comitati preoccupati". Cintorino: "Vogliamo ottimizzarne la funzionalità"

Massa e Prati nel question time hanno specificato come "numerosi componenti dei comitati di quartiere si sono sentiti preoccupati e amareggiati da questa scelta e dalla modalità operativa fin qui utilizzata"

Il regolamento sui quartieri necessita di una "profonda revisione", con l'intenzione di "riorganizzare la mappa della composizione dei quartieri ottimizzandone quella che è la funzionalità e il patrimonio le risorse anche in un'ottica di maggiore partecipazione ed inclusione sociale". Lo ha detto l'assessore con delega ai rapporti di quartiere, Andrea Cintorino, rispondendo ad un question time lunedì pomeriggio in Consiglio comunale presentato dai consiglieri comunali dem Elisa Massa e Loretta Prati, specificando che sono in corso dei confronti con i quartieri stessi. "Non c'è alcuna fretta", ha ribadito l'assessore, dando appuntamento al regolamento definitivo tra settembre ed ottobre. Nel frattempo continuano le riunioni con i comitati, che hanno già presentato "alcune modifiche" al documento ancora in bozza. Massa e Prati nel question time hanno specificato come "numerosi componenti dei comitati di quartiere si sono sentiti preoccupati e amareggiati da questa scelta e dalla modalità operativa fin qui utilizzata". In particolare, evidenziano, "il tema, urgente e preoccupante, è quello della volontà dell'amministrazione Zattini di voler cancellare i 42 comitati di quartiere, alcuni dei quali nati nel lontano 1960, come il Quartiere Cava,  con un colpo di mano, in esclusiva direzione di discontinuità con le amministrazioni precedenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento