menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raccolta differenziata porta a porta, il Pdl: "Bollette troppo alte"

"Mentre si estende il metodo raccolta rifiuti "porta a porta", così impostato, cresce di pari passo il numero dei cittadini forlivesi costretti a subire disagi, disservizi, oneri e soprattutto maggiori costi in bolletta"

“Mentre si estende il metodo raccolta rifiuti “porta a porta”, così impostato, cresce di pari passo il numero dei cittadini forlivesi costretti a subire disagi, disservizi, oneri e soprattutto maggiori costi in bolletta”. L'osservazione viene fatta dai consiglieri comunali del Pdl, Fabrizio Ragni e Alessandro Spada. “Non è tollerabile che si continui ad estendere tale metodo di raccolta senza prima aver fatto chiarezza sui costi che andranno a gravare sulle spalle dei cittadini”.

“In attesa che il nuovo metodo messo a punto dalla Giunta Balzani arrivi nei quartieri più popolosi della città, mostrando impietosamente tutti i limiti di questa avventata decisione, sollecitiamo il Sindaco affinché la cittadinanza non sia costretta a sostituirsi ad Hera e al Comune, ovvero obbligata a differenziare i rifiuti dentro la propria abitazione, ricevendo in cambio bollette gonfiate a dismisura per colpa degli ingenti costi del “porta a porta”. Ricordiamo al riguardo la nostra forte contrarietà rispetto alla recente scelta della Giunta Balzani d’introdurre nelle bollette dell’Enel un’accisa pari a una media di 16 euro a famiglia per finanziare una fase del “porta a porta”. Anziché intervenire sugli sprechi della macchina comunale, il prof. Balzani ha preferito mettere le mani delle tasche dei cittadini che, oltre a doversi sobbarcare oneri e disagi relativi al nuovo metodo di raccolta, sono costretti a sborsare altri soldi in questi difficili tempi di crisi economica”, accusano i due consiglieri.

“Prima di procedere con l’estensione del “porta a porta” invitiamo di nuovo il sindaco di Forlì ad impegnarsi pubblicamente con la cittadinanza affinché in futuro, per sovvenzionare il nuovo metodo, non si ripetano scelte penalizzanti per i bilanci delle famiglie forlivesi. Preoccupa il fatto che il “porta a porta” pur essendo in pratica solo ad una fase iniziale rappresenti già un costo smisurato a carico della comunità. Tale metodo di raccolta, così come è stato pensato dalla Giunta Balzani, sta causando numerosi disagi a danno dei cittadini senza aver portato alcun beneficio in termini di qualità della vita né tanto meno di carattere economico”, concludono nella nota.

 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento