Martedì, 16 Luglio 2024
Alluvione e solidarietà

Alluvione, la raccolta fondi della Regione supera i 48 milioni. La promessa: "Soldi a scuole, impianti sportivi e contributi per l’acquisto di nuovi veicoli"

Il sottosegretario Davide Baruffi ha risposto martedì mattina ad un questione time presentato dal consigliere regionale della Lega, Massimiliano Pompignoli, su "quando e come verranno redistribuiti i 47.716.602,00 euro presenti nel conto corrente aperto in seguito agli eventi alluvionali dello scorso maggio"

“La Giunta è orientata a destinarne la metà di tali risorse a misure a diretto sostegno delle popolazioni colpite, a partire dalla possibilità di concedere contributi per l’acquisto di veicoli in sostituzione di quelli distrutti, misura al momento non coperta dai decreti nazionali”. Il resto dei fondi “sarà invece utilizzato per finanziare interventi urgenti di ripristino del patrimonio pubblico, con particolare riferimento alle scuole ed eventualmente agli impianti sportivi del territorio. Nel primo caso si tratta assicurare la ripresa dell’attività scolastica di settembre in piena efficienza degli immobili e dei servizi”; nel secondo, di ampliare la dotazione di risorse stanziate dal primo Decreto Legge Alluvione (61/2023), “e quindi la platea degli interventi di ripristino indicati da Enti locali e società sportive, al fine di una più efficace riattivazione dell’attività sportiva e dei luoghi della socialità diffusa del territorio colpito”. Così il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale, Davide Baruffi, sull’utilizzo dei fondi raccolti a sostegno delle popolazioni e dei territori colpiti dall’alluvione attraverso la campagna “Aiuta l’Emilia-Romagna” avviata dalla Regione e tutt’ora in corso e arrivata a oltre 48 milioni euro.

Per utilizzare al meglio e senza rischio di sovrapposizioni le risorse donate da tantissimi cittadini, imprese, associazioni e soggetti di tutti i settori e comparti, e decidere una puntuale destinazione, la Giunta intende comunque attendere i provvedimenti del Governo e su questo ha già avuto “un primo positivo confronto con il Commissario straordinario Generale Figliuolo”, ha precisato Baruffi in Aula rispondendo a una interrogazione. Inoltre, come di consueto, tali decisioni saranno “precedute da momenti di confronto con le rappresentanze degli Enti locali e con il Patto per il Lavoro e per il Clima, già calendarizzati per i prossimi giorni”. Il sottosegretario ha risposto martedì mattina ad un question time presentato dal consigliere regionale della Lega, Massimiliano Pompignoli.

“Gli oltre 47 milioni già disponibili sul conto rappresentano una cifra importante, non paragonabile per importo a nessun’altra raccolta fondi avviata a livello locale, che deve essere ripartita al più presto tra le comunità alluvionate e redistribuita tra i territori per favorire e accelerare la ricostruzione anche dal punto di vista della viabilità e della sicurezza delle aree interne. È necessario che ognuno, in questa fase, faccia la sua parte: Stato, Comuni, Provincie e Regione devono muoversi in formazione con l’obiettivo di dare risposte concrete ai cittadini: per farlo, servono tutte le risorse possibili nonché disponibili e non soltanto quelle del Governo che con il Decreto Ricostruzione ha già stanziato i primi 2 miliardi e mezzo di euro”, ha dichiarato Pompignoli.

“Ringrazio il sottosegretario Baruffi per questo primo impegno - ha concluso Pompignoli -. La raccolta fondi avviata dalla Regione deve essere messa al servizio delle comunità alluvionate fin da subito, perché si tratta di risorse strategiche che potrebbero sostenere e compensare gli interventi già autorizzati dai Comuni o quelli futuri, e il ripristino delle condizioni di sicurezza e agibilità del patrimonio pubblico emiliano-romagnolo compromesso dall’alluvione (scuole, edifici pubblici, alloggi Erp, viabilità, rete fognaria, fiumi e canali). A questo punto è importante che alle parole seguano il prima possibile i provvedimenti. Vigileremo affinché le parole di Baruffi si traducano in interventi concreti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alluvione, la raccolta fondi della Regione supera i 48 milioni. La promessa: "Soldi a scuole, impianti sportivi e contributi per l’acquisto di nuovi veicoli"
ForlìToday è in caricamento