menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pirini (DestinAzione) sprona il Pd: "Mantenga le promesse fatte a maggio"

"A distanza di neanche 5 mesi dalle ultime elezioni, il nostro gran governo dei cambiamenti si sta rivelando per quello che è: un traditore delle aspettative degli italiani", esordisce Pirini

"Chiediamo all’amministrazione Pd di Forlì che mantenga le promesse fatte a maggio. Non solo a parole, ma con i fatti". E' quanto afferma Raffaella Pirini, portavoce lista civica DestinAzione Forlì. "A distanza di neanche 5 mesi dalle ultime elezioni, il nostro gran governo dei cambiamenti si sta rivelando per quello che è: un traditore delle aspettative degli italiani - esordisce -. A partire da Forlì, dove il Pd ha vinto le elezioni beandosi di mete programmatiche da sempre di altri, tra le quali la protezione dell’ambiente, la riduzione della cementificazione, la rivalutazione del centro storico e soprattutto la progressiva svolta dall’incenerimento alla differenziazione dei rifiuti e al loro recupero, con al contempo la creazione di nuovi posti di lavoro".

"Peccato - aggiunge - che Forlì debba constatare che dall’alto della stanza dei bottoni arriva già il dietro front da sempre intravisto da DestinAzione Forlì. Il caro premier già in grado in tempi precedenti di sbeffeggiare persone con trenta anni di esperienza e competenza alle spalle in campo ambientalista ed oncologico, ci regala la direzione verso la rete di inceneritori come bufala di ripresa dalla crisi per il futuro. Come fatto presente da alcuni (fra cui DestinAzione), però, là dove si tenta di affamare gli inceneritori, in realtà si procurerebbe un danno alle tasche di alcuni, pochi, potenti industriali, perché “più un inceneritore brucia più guadagna” - banale come scoprire l’acqua calda. Gli italiani si aspettavano che onoraste il patto per il quale voi del Pd avete di fatto assorbito voti che avrebbero potuto andare a voci minori, e lo avete fatto usando le stesse tematiche con la pretesa di portarle avanti addirittura meglio".

"La sensazione è di essere stati traditi come cittadini - tuona Pirini - la speranza, flebile, è di sbagliarsi. Sempre per fare scoprire l’acqua calda la riconversione economica ad attività ed aziende che proteggano l’ambiente fa diventare ricchi, ma prima bisogna essere abbastanza intelligenti per capirlo, e abbastanza coraggiosi per farlo. Basta guardare città come San Francisco, e interi gruppi imprenditoriali esteri che già stanno abbandonando le tecnologie obsolete. E’ una scelta morale, imprenditoriale, di vero progresso  e di governance, che farebbe risalire il Paese, sempre più ostaggio di inciuci e inciucicchi fra pochi".

"Ovviamente bisogna guardarsi dalle finte attività “verdi” che servono solo a ripulirsi la bocca e la coscienza, ma si spera che l’onestà intellettuale finalmente sia propria dei decisori politici - prosegue l'esponente di DestinAzione Forlì -. Una volta tanto saremmo anche in linea con le politiche europee al posto di rincorrere sempre scelte che costano multe da parte dell’Unione Europea che non fanno che crescere. Chiediamo all’amministrazione PD di Forlì che mantenga le promesse fatte a maggio. Non solo a parole, ma con i fatti. E se il Governo assieme alla Regione vogliono impedire ai Comuni di decidere quello che è loro diritto decidere (la gestione dei rifiuti) che finalmente abbia il coraggio di lottare con le unghie e con i denti. Non ci si accontenterà del solito ritornello: “io ci ho provato, ma non è possibile." Perché ancora non avete minimamente nemmeno provato a fare quello che è possibile fare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento