Regionali, Burnacci (Fi) incontra Alberto Zambianchi: "Imprese e università volano dell'economia"

Al centro del colloquio una ricognizione sullo stato dell’economia e le misure ed i progetti per creare nuova occupazione e sostegno alle imprese

Vanda Burnacci, candidata di Forza Italia nel collegio di Forlì-Cesena alle elezioni regionali del prossimo 26 gennaio, ha incontrato martedì mattina nella sede di piazza Saffi, il presidente della Camera di Commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini Alberto Zambianchi, attualmente anche presidente dell’Unione Regionale delle Camere di commercio dell’Emilia-Romagna. Al centro del colloquio una ricognizione sullo stato dell’economia e le misure ed i progetti per creare nuova occupazione e sostegno alle imprese.   

Zambianchi, dopo aver ripercorso la storia della fase di applicazione della Legge di riordino delle Camere di commercio ha assicurato l’impegno dell’ente (e della sua azienda Speciale Cise) a sostenere le imprese, sia quelle che stanno ancora lottando per uscire dalla crisi, sia quelle che investono per migliorare la loro competitività, formazione e predisposizione all’export, al fine di consolidare l’attrattività del territorio provinciale, migliorandone ulteriormente la qualità della vita e dell’ambiente circostante.

Burnacci, "in una logica di fattiva collaborazione fra istituzioni e soggetti politici, per supportare in modo concreto il rilancio economico del territorio", ha acquisito informazioni statistiche sulla fase congiunturale della nostra provincia e proposte e piani per il futuro della Camera di Commercio che saranno sintetizzati all’interno del documento di proposte per la Prossima Legislatura Regionale ad integrazione del programma economico di Forza Italia. "Tra le priorità del programma degli azzurri c'è la semplificazione burocratica e amministrativa, riduzione della leva fiscale, sostegno alle aziende per la creazione di nuovi posti di lavoro, miglioramento dell’accesso al credito per le piccole e medie imprese, tuttora penalizzate rispetto alle grandi imprese ed ai colossi delle multinazionali - evidenzia l'esponente berlusconiana -. Le imprese sotto i 20 dipendenti sono il 90% del tessuto economico nazionale e locale ma dalle banche ricevono soltanto il 13% dei prestiti. Mentre l’impresa diffusa, quella fatta da persone che ogni giorno si confrontano con un mare di difficoltà, ha bisogno di avere a disposizione risorse in tempi certi, a costi accessibili e funzionali agli investimenti e ai bisogni dell’azienda. E se il credito alle imprese non riparte, a pagare sarà anche la crescita".

Zambianchi ha ricordato le principali aree operative ritenute prioritarie e meritevoli di sostegno da parte della Camera di Commercio: i processi di innovazione e internazionalizzazione del sistema imprenditoriale, l’ampliamento della capacità progettuale, affinché nuove risorse possano essere  convogliate dai ministeri, dalla Regione ed anche dall’ Europa sui nostri territori per innescare nuove occasioni di crescita economica, culturale, sociale e tecnologica. E nell’incontro, visto che Zambianchi riveste anche l’incarico di presidente di Serinar, la società che promuove e sostiene l'attività dell'Università nella provincia di Forlì-Cesena, s’è parlato anche della creazione dell’Università in Romagna, dei corsi di laurea esistenti e, a  partire dal prossimo anno accademico, del nuovo corso di laurea in Medicina e Chirurgia della facoltà di Bologna che sarà attivato a Forlì.Risultati incoraggianti che dicono di un buon lavoro svolto  in trent'anni di presenza e crescita dell’Alma mater nei campus di Forlì e Cesena. 

“Tutto il territorio, ed ovviamente anche il mondo imprenditoriale, si avvantaggia delle energie nuove, preparate e motivate come quelle dei giovani laureati", ha detto Zambianchi. "Le competenze acquisite dagli studenti e l’intera rete universitaria del Campus hanno messo a disposizione del territorio una risorsa in più e consentito una crescita che è anche sociale oltre che economica - conclude la candidata -. E l’attivazione del corso di laurea in Medicina, ottenuto anche grazie all’impegno dell’amministrazione comunale del centrodestra e del sindaco Zattini, sarà un’ulteriore ricchezza per la nostra città. E non è scontato parlare oggi di tutto questo, se si pensa che la creazione dell’Università in Romagna quando ero presidente della Provincia veniva considerata una battaglia impossibile

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Elezioni, i programmi a confronto in 7 domande uguali per 7 candidati: queste le loro priorità e proposte

  • In fuga a tutto gas sull'auto rubata: il lungo inseguimento finisce con lo schianto e l'arresto

  • Volto coperto e pistola in pugno: ancora un assalto in una farmacia di Forlimpopoli

Torna su
ForlìToday è in caricamento