menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regionali, Udu lancia una piattaforma: "Al centro del dibattito giovani e università"

"L’istruzione e l’università sono indispensabili per la crescita sia dell’individuo che della società, e hanno l’obiettivo di mettere in moto l’ascensore sociale"

"Tra meno di due settimane nella nostra regione si voterà per il rinnovo del consiglio regionale e per eleggere il nuovo presidente. Come UDU, ossia il Sindacato Studentesco Universitario maggiormente presente in regione, abbiamo deciso di presentare una piattaforma ”Emilia Romagna 2020: il futuro è qui!” per rimettere al centro della discussione politica il ruolo dei giovani e dell’Università nella nostra regione". Lo afferma Camilla Piredda, Coordinatrice Unione degli Universitari Forlì.

"L’istruzione e l’università sono indispensabili per la crescita sia dell’individuo che della società, e hanno l’obiettivo di mettere in moto l’ascensore sociale; pertanto è necessario consentire a tutti di poter accedere agli studi a prescindere dalle proprie condizioni economiche, sociali e culturali di partenza. Nella nostra regione il diritto allo studio è da sempre garantito, grazie agli investimenti che assicurano le borse di studio a tutti gli idonei e che rendono gli atenei emiliano-romagnoli molto attrattivi, portando ad un incremento sempre più ingente degli iscritti, soprattutto fuori sede. Come Unione degli Universitari auspichiamo che si possa continuare in questa direzione".

"Allo stesso tempo però rileviamo alcune criticità che riguardano la questione degli alloggi universitari, il trasporto pubblico, il caro mense e altri aspetti che attenzioneremo all’interno di questa piattaforma. Pensiamo che gli studenti debbano avere le opportunità di poter vivere e contribuire a pieno ai luoghi dell’istruzione e alle città che li ospitano, di crescere e realizzarsi in tutti gli ambiti, a 360 gradi. Chiediamo ai candidati presidenti di regione e a tutti i candidati al consiglio regionale, che si riconoscono nei nostri valori, di sottoscrivere la nostra piattaforma e di portare avanti le nostre istanze nella prossima legislatura regionale che partirà dal 26 gennaio in poi, nella speranza che il diritto allo studio e il welfare studentesco siano una priorità per chi si propone di guidare la regione Emilia-Romagna per i prossimi 5 anni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Forlì è al centro del Nonprofit: il 23 aprile si terrà l'open day

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento