Regolamento di polizia urbana, multe per l'elemosina: "Forma per contrastare racket e sfruttamento"

Intervento del consigliere comunale della Lega, Alessandro Rivalta, che replica alle polemiche sorte dopo l’approvazione della delibera

"In queste ultime ore numerosi esponenti della sinistra forlivese hanno rilasciato improprie dichiarazioni in merito al regolamento di polizia urbana approvato lunedì scorso durante l’ultimo consiglio comunale, criticando in particolar modo le sanzioni previste per l’accattonaggio molesto". Lo afferma il consigliere comunale della Lega, Alessandro Rivalta, replicando alle polemiche sorte dopo l’approvazione della delibera. Tra i punti inseriti nel nuovo regolamento anche le sanzioni per chiede l'elemosina se esercitata in forma molesta, con una sanzione che oscilla tra 75 a 450 euro. 

"Il gruppo consiliare della Lega - esordisce - è stato accusato di oltranzismo, di prendersela con le persone meno abbienti e persino di voler nascondere il disagio sociale alla vista dell’opinione pubblica. Nulla di più falso. Durante la discussione della delibera spiegai che attraverso questo provvedimento avremmo contrastato qualsiasi forma di racket dell’elemosina, un business gestito dalla criminalità organizzata in cui spesso si annida violenza e sfruttamento di ogni genere specificando inoltre che l’Amministrazione, attraverso i servizi sociali, avrebbe aiutato le persone che realmente versano in stato di indigenza ed emarginazione".

"Le critiche che oggi ci vengono mosse provengono da una sinistra scollata dalla realtà e abbarbicata nella vita di palazzo, che ha perso il contatto con la vita di tutti i giorni e le esigenze dei nostri cittadini - prosegue -. Una sinistra che critica l’operato dell’Amministrazione semplicemente per nascondere la propria incapacità di assumere decisioni in grado di migliorare la sicurezza dei forlivesi. Una sinistra che nulla ha fatto per contrastare l’aggressività dei questuanti nei confronti degli anziani e delle persone più deboli. Ecco che allora, leggendo dichiarazioni di un’opposizione abituata a mistificare la realtà, non si può fare altro che prendere atto dell’inconsistenza delle loro esternazioni e del fatto che siano posizioni del tutto ideologiche che non hanno alcun riscontro con la realtà quotidiana".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nel primo anno di mandato - conclude Rivalta- abbiamo approvato provvedimenti importanti e migliorativi della macchina comunale, che la rendono più efficace ed efficiente nell’erogazione dei propri servizi. Proseguiremo nel compito che ci è stato affidato facendo ogni sforzo possibile per mantenere fede agli impegni che abbiamo assunto in campagna elettorale con i cittadini, cosa di cui questa sinistra rancorosa si è dimenticata da tempo, condannandosi ad un ineluttabile destino".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento