Rifiuti dal faentino, il M5S attacca il sindaco: "A Roma puzzano, a Faenza sono profumati?"

“Un via libera che ci indigna e stride con la sbandierata politica dell'autogestione e della riduzione dei rifiuti da incenerire a Forlì. Un'autorizzazione che stride con la filosofia del post incenerimento e dell'aumento del potenziale del riciclo”

“Pretestuoso, politicamente ipocrita e contraddittorio il 'via libera' del sindaco Drei ai rifiuti del faentino che verranno inceneriti nell'impianto Hera della nostra città, a distanza di soli pochi giorni dal suo roboante 'no' ai rifiuti da Roma che si vociferava potessero essere smaltiti nella nostra regione, cosa che invece non si è poi verificata”. Non usano certamente mezzi termini i due consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, Simone Benini e Daniele Vergini, a seguito dell'autorizzazione da parte dell'assessore regionale Gazzolo al conferimento dei rifiuti provenienti dal faentino nell'inceneritore di Forlì, che ha avuto il benestare del primo cittadino della città mercuriale.

“Un via libera che ci indigna e stride con la sbandierata politica dell'autogestione e della riduzione dei rifiuti da incenerire a Forlì. Un'autorizzazione che stride con la filosofia del post incenerimento e dell'aumento del potenziale del riciclo”, continuano Vergini e Benini. Che temono il peggio: “Se la strategia regionale sarà trasferire a Forlì e in altri impianti vicini i rifiuti che non potranno essere conferiti più a Ravenna o Piacenza annunciamo che la nostra opposizione sarà ferma e continuata. Fino a che qualcuno non si ricordi, a partire dallo stesso sindaco Drei, che il destino promesso a Forlì era ben altro: due anni fa il presidente della Regione Bonaccini aveva garantito la chiusura di uno dei due inceneritori di Forlì entro la fine del mandato amministrativo o poco più avanti”

Ravvisando, come si legge in una nota, “uguale atteggiamento fra il sindaco di Forlì e il suo collega di Castenaso che non voleva anche lui i rifiuti provenienti da Roma per essere smaltiti nell’inceneritore del Frullo, nell'area del confine con Granarolo, e poi s'è dovuto piegare allo smaltimento dei rifiuti eccedenti la discarica Tre Monti a Imola”, i consiglieri comunali del Movimento 5 stelle di Forlì invitano il sindaco Drei ad essere coerente con la politica di autonomia che ha ispirato la nascita dell’Azienda in House “Alea Ambiente” e ad opporsi con forza ad ogni richiesta di conferimento di rifiuti extra provincia, indipendentemente dal comune di provenienza. “La salute dei cittadini forlivesi non si baratta con i dividendi di Hera. Questo modo supino di accettare interessi privati a scapito della salute dei propri cittadini non dovrebbe appartenere ad un sindaco che fa gli interessi dei suoi cittadini”, concludono i consiglieri 5 Stelle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Punta un euro su un gratta e vinci e non crede ai propri occhi: il "Sette e mezzo" è fortunato

  • Nel weekend tornano freddo e neve, ecco dove sono attesi i fiocchi. Ma l'inverno non decollerà

  • E' confermato il ritorno della neve, ecco dove sono attesi i fiocchi bianchi: allerta "gialla"

  • Porta l'auto dal meccanico e dal cofano spunta una micia: "E' una gatta di casa, cerchiamo la sua famiglia"

  • Pit stop "stupefacente" dal gommista: la Squadra Mobile scopre il canale della droga per Forlì

  • Cinquantenne malata di un grave tumore salvata dai primari di Forlì e Rimini

Torna su
ForlìToday è in caricamento