menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, i dem: "Maggioranza spaccata su Alea. La Lega ci dà ragione". Minutillo: "FdI era per il cambiamento"

Spiegano i dem: "Resta fermo l’impegno politico del Partito Democratico su questo progetto, che sta dimostrando di funzionare grazie alla pazienza e collaborazione di cittadini, associazioni ed imprese"

"Nel Consiglio Comunale di lunedì sono emerse le contraddizioni interne alla destra forlivese che, sulla mozione presentata da Fratelli d’Italia per il ripristino dei cassonetti in centro, dimostra di non essere affatto compatta e coerente con la propria propaganda elettorale su Alea". Così il gruppo consiliare del Pd, che aggiunge: "Ci ricordiamo tutti, infatti, dei proclami leghisti, seguiti a ruota da Forza Italia e Fratelli d’Italia, sul fallimento conclamato di Alea, della necessità di offrire un modello diverso, così come dello stillicidio mediatico a furor di popolo che fino alla fine della campagna elettorale è stato al centro del dibattito pubblico".

"Il voto di lunedì, tutto interno alla maggioranza, ha certificato queste contraddizioni che hanno visto la Lega a guida del capogruppo Pompignoli confermare il progetto esistente proposto dal Partito Democratico nello scorso mandato, quando la Lega dell’allora capogruppo Mezzacapo, nella passata consiliatura, vi votava contro - proseguono i dem -. Hanno tentato di giustificarsi scaricando ogni responsabilità sulla passata amministrazione e gli ex vertici di Alea, dimenticando che, prima delle elezioni, il presidente del coordinamento soci della società dei rifiuti, era l’attuale assessore al Bilancio del Comune di Forlì, Vittorio Cicognani, e che, oggi, il Comune di Forlì, a trazione leghista, ha scelto come presidente di quel coordinamento lo stesso assessore forlivese del Partito Democratico, che fino alle elezioni di maggio ha seguito la partita di Alea, William Sanzani, e che noi ringraziamo per aver confermato il suo costante e fattivo impegno".

"Ci è parso, quindi, evidente che dovessero essere gli stessi che in passato non hanno mai perso occasione per far passare di Alea un messaggio negativo, costruendone un’idea mostruosa nell’immaginario dei cittadini, a doversi assumere l'esclusiva responsabilità politica delle proprie contraddizioni, certificate dal voto in contrasto tra le forze di maggioranza - chiosano -. Questo conferma che la propaganda fatta dalla Lega in campagna elettorale non ha trovato alcun esito concreto nell’amministrazione e che anzi si è rivelata una prigione di parole dalla quale hanno provato con imbarazzo e difficoltà ad uscirne, lunedì, in Consiglio Comunale".

Concludono i dem: "Resta fermo, invece, l’impegno politico del Partito Democratico su questo progetto, che sta dimostrando di funzionare grazie alla pazienza e collaborazione di cittadini, associazioni ed imprese, e che ci sta portato ad una raccolta differenziata di qualità che sfiora l’85 % e che ancora deve entrare a regime, senza dimenticarne l’investimento occupazionale che vogliamo, insieme, veder realizzato mediante la creazione di un vero distretto del riciclo a Forlì; nessuno negherà mai le difficoltà contingenti e sempre saremo lì per porvi rimedio, ma questo non ci deve far scoraggiare come convinzione in ciò che stiamo facendo di giusto per il nostro territorio".

Fratelli d'Italia

Commenta Davide Minutillo, capogruppo in Consiglio comunale di Fratelli d'Italia: "Constatiamo purtroppo come la volontà di cambiare passo nel porta a porta nel centro storico non sia stata votata da lega, forza Italia e lista civica nell'ultimo consiglio comunale. Fratelli d'italia aveva presentato una mozione per l'introduzione dei cassonetti differenziati con banda magnetica riservato a residenti e commercianti del centro.  Tale proposta prendeva spunto dalle dichiarazioni rilasciate da Mezzacapo durante la campagna elettorale.  L'attuale vice sindaco aveva dichiarato che si sarebbe speso per portare il  sistema delle calotte appena sarebbe salito al governo della città. La nostra mozione infatti avrebbe impegnato l'amministrazione a realizzare il progetto di modifica nei tempi necessari e senza nessuna forzatura. Come Fdi votammo a favore di alea ma ribadendo che non avremo avuto remore ad evidenziare eventuali criticità così come abbiamo fatto nella mozione.  La raccolta differenziata porta a porta purtroppo rimarrà una piaga per i tanti commercianti e residenti che alle elezioni hanno votato il centrodestra e ci rammarica vedere come la lega di Mazzacapo, Forza Italia e la lista civica abbiano votato assieme alla sinistra e al 5 stelle votando in pratica contro le loro stesse proposte e contro quanto promesso. Fratelli d'italia era ed è per il cambiamento". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento