menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti, il Pd: "Ottimi risultati, tutto il territorio verso lo spegnimento dell’inceneritore"

"I dati diffusi nei giorni scorsi fanno capire che sul territorio stiamo andando tutti nella stessa direzione", afferma il segretario territoriale del Pd forlivese, Daniele Valbonesi

Il Partito Democratico forlivese esprime grande soddisfazione per i risultati di raccolta differenziata ottenuti sul territorio. "I dati diffusi nei giorni scorsi fanno capire che sul territorio stiamo andando tutti nella stessa direzione - afferma il segretario territoriale del Pd forlivese, Daniele Valbonesi - ovvero verso la riduzione del rifiuto secco per arrivare allo spegnimento dell'inceneritore di Forlì, la cui data deve essere inserita nel prossimo Piano Regionale dei Rifiuti. Alea è lo strumento che gran parte del territorio forlivese si è dato per raggiungere obbiettivi necessari per le nostre comunità. Gli obiettivi dei Comuni che non hanno aderito ad Alea sono i medesimi, cambiano solo gli strumenti scelti per perseguirli".

"I risultati che stanno emergendo sono importanti e si deve continuare su questa strada con decisione, ampliando e migliorando l'azione della società, verso la creazione di un vero e proprio ‘Distretto del riciclo, che porterebbe ulteriori benefici anche in termini occupazionali ed economici. Questi risultati non sarebbero stati possibile senza il grande impegno dei cittadini, che stanno dimostrando un grande senso civico e la volontà di consegnare alle generazioni future un ambiente migliore", conclude Valbonesi.

Replica Simona Vietina, sindaco di Tredozio e Parlamentare di Forza Italia: "Al neo segretario territoriale del Pd sono bastati pochi giorni per donarci uno sfoggio di coerenza encomiabile: oggi lo sentiamo complimentarci per gli ottimi risultati di tutto il distretto di Forlì in termini di raccolta differenziata quando la sua amministrazione è una delle uniche due ad aver rifiutato il sistema porta a porta di Alea. Mi sembra paradossale complimentarsi per un risultato che ha come principale attore, oltre ai cittadini naturalmente, un’azienda di cui hai scelto - erroneamente, a mio parere, visti i risultati - di non servirti. Il neo segretario non starà forse cercando di “farsi bello” grazie alle scelte prese da altri e che lui non ha mai condiviso? O sta forse ripensando all’ipotesi di fare rientrare la sua Santa Sofia in quell’80%, 13 comuni su 15, di territorio servito da Alea? Cambiare opinione, caro segretario, non è il male assoluto: le ricordo quella frase famosa che descrive molto bene chi non cambia mai idea". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta che sa di casa: le zucchine ripiene

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento