Rifiuti, la società in house nell'ex Querzoli: "Sede momentanea"

L'assessore all'Ambiente, Nevio Zaccarelli, è intervenuto così in Consiglio comunale, rispondendo a due question time a firma del consigliere comunale della Lega Nord, Daniele Mezzacapo, su Alea Ambiente

Contratto con il Ministero dello Sviluppo Economico per la sede momentanea della società e nessun ritardo sul cronoprogramma. L'assessore all'Ambiente, Nevio Zaccarelli, è intervenuto così in Consiglio comunale, rispondendo a due question time a firma del consigliere comunale della Lega Nord, Daniele Mezzacapo, su Alea Ambiente, la società in house che gestirà la raccolta dei rifiuti. L'esponente del Carroccio, facendo riferimento ai locali dell'ex Querzoli, ha interrogato l'amministrazione comunale per conoscere “con quale modalità pubblicistica è stata resa nota agli operatori economici locali l'esigenza per nuove superficie attrezzate per la nuova sede operativa di Alea Ambiente; con quali criteri oggettivi si è svolto il confronto competitivo tra le aree private concorrenti e se è già stato stipulato il confronto”.

Zaccarelli ha annunciato che il contratto “è stato sottoscritto, non con la Querzoli che non c'è più, ma con il Ministero dello Sviluppo Econonico, e quindi con un ente pubblico, un contratto che ha la durata di due anni più uno eventuale, per la sede individuale più idonea in attesa di quella che dovrà esser la sede definitiva”. Per quanto riguarda invece gli appalti, tema del secondo question time, Alea Ambiente partirà "dall'1 gennaio 2018 con le stesse persone e mezzi. Alcune passeranno da Hera ad Alea e altre dalle cooperative".

Quindi è stato annunciato che "a breve si terrà la gara per l'anno di transizione", il 2018, "e se ne occupera' Alea". Poi ci saranno le gare per affidamento definitivo dall'1 gennaio 2019. "Questa è la partenza - ha concluso Zaccarelli -. A breve ci sara' un'altra commissione nella quale si entrerà nel dettaglio su come cambia il servizio". Ha replicato Mezzacapo: "Alea e' una societa' pubblica e mi chiedo il criterio per l'individuazione della sede. Il 31 luglio la sede non era stata ancora identificata; dopo l'estate è stata individuata senza che si venisse a conoscere un criterio". "Chi l'ha scelta" dato che non c'e' una procedura pubblicistica? - si è interrogato l'esponente del Carroccio -. Perche' quel capannone di Querzoli?". In merito agli appalti, ha concluso, vanno "illustrate le azioni poste in essere e da porre in essere".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Punta un euro su un gratta e vinci e non crede ai propri occhi: il "Sette e mezzo" è fortunato

  • Porta l'auto dal meccanico e dal cofano spunta una micia: "E' una gatta di casa, cerchiamo la sua famiglia"

  • Pit stop "stupefacente" dal gommista: la Squadra Mobile scopre il canale della droga per Forlì

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Minacce di morte dentro un supermercato: serata 'agitata' in viale Vittorio Veneto

  • Guidava con la patente revocata da oltre sette anni: multa salatissima per un 32enne

Torna su
ForlìToday è in caricamento