Rifiuti, Ragni (Forza Italia): "Stop al 'porta a porta' integrale a favore di un sistema misto"

"Noi lanciamo a Forlì la proposta di un sistema misto  e in una fase transitoria sperimentale anche la  raccolta differenziata ‘stradale’ in ecostazioni dislocate sul territorio cittadino"

“La Regione, in linea con le direttive europee, chiede che si intensifichi la raccolta differenziata e  si raggiunga  l’obiettivo del 73%  entro il 2020, ma non impone con chi e con quali metodi si debbano raccogliere i rifiuti, l’importante è raggiungere la percentuale di smaltimento prevista . Dunque, sfatato l’obbligo del sistema unico del ‘porta a porta’, noi lanciamo a Forlì la proposta di un sistema misto  e in una fase transitoria sperimentale anche la  raccolta differenziata ‘stradale’ in ecostazioni dislocate sul territorio cittadino,  con contenitori a scomparsa sotterranea ultima generazione. Questo per venire incontro ai cittadini che non riescono a gestire a domicilio per l’esiguità degli spazi abitativi o cortilizi o per il rifiuto a detenere per settimane in casa alcune tipologie di rifiuti maleodoranti”:  ad avanzare la proposta è  Fabrizio Ragni , capogruppo comunale Forza Italia Forlì  e responsabile regionale Emilia-Romagna del dipartimento sicurezza di Forza Italia.

Una proposta lanciata sabato al convegno: “Il coraggio di cambiare il governo della città e della Regione” che il gruppo consiliare di Forza Italia ha organizzato nel salone comunale , alla presenza – tra gli altri – della senatrice Anna Maria Bernini, presidente degli azzurri a Palazzo Madama, dei deputati Galeazzo Bignami e Simona Vietina e del coordinatore provinciale di Forza Italia, Luca Bartolini. Un convegno che ha visto una vasta partecipazione di pubblico e  la presenza anche di numerosi esponenti di Lega e Fratelli d’Italia, come Daniele  Mezzacapo e Francesco Minutillo.  Spiega la nota di Forza Italia: “Centrodestra unito, dunque. Compatto nel denunciare le criticità dell’amministrazione locale del Pd e delle società partecipate con i conti in rosso. Al centro del dibattito anche le polemiche, e le raccolte firme, esplose contro il sistema 'porta a porta' proposto da Alea”.

“I cittadini che si rifiuteranno di adempiere al ‘porta a porta’ integrale proposto da Alea e scelgono il sistema della raccolta differenziata ‘stradale’ nei contenitori a scomparsa   dovranno essere “tracciati” per profilare i quantitativi effettivi di conferimento dei loro rifiuti e a loro verrà riservata una tariffa con oneri adeguati. Questi utenti avranno  l'obbligo di raccogliere in maniera separata le diverse tipologie di rifiuti  e l’ indifferenziata  per il corretto conferimento di ciascuna frazione”: ha spiegato Fabrizio Ragni che ha moderato il convegno di sabato pomeriggio.

“Vi diranno che  il sistema porta a porta integrale – quello presentato da Alea - è più conveniente. Ma in realtà il dibattito sui due sistemi è aperto! E noi riportiamo qui l’analisi di  Utilitalia ,  la federazione delle imprese dei servizi ambientali, idrici ed energetici, che in una recentissima ricerca ha dimostrato come in generale per la raccolta multimateriale il ‘porta a porta’ costi in realtà  di più! Con una differenza che oscilla tra il 30 e il 40%. Lanciamo questa proposta anche per riaprire il dibattito sul sistema di raccolta cittadino, visto che ad oggi siamo al ‘muro contro muro’. Posto che noi presentiamo un mix dei due modelli, almeno in questa fase iniziale.  Una proposta che sarà materia di question time martedì in consiglio comunale”: aggiunge il capogruppo comunale Forza Italia Forlì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Dramma in A14, auto si schianta fuori strada e si ribalta nel fosso colmo d'acqua: un morto ed una donna ferita

  • Si ritrova "sgraditi ospiti" nella minestra: protesta per le larve nel pacco di pasta

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

Torna su
ForlìToday è in caricamento